I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’emicrania cronica aumenta il rischio di trombosi e di ischemie

Evidenza nelle giovani donne

Pubblicato il 28/09/2017 da Prevenzione a tavola

Cattive notizie per chi soffre di emicrania cronica. Secondo uno studio italiano, infatti, questa patologia non causa solo sofferenza e disabilità, ma può aumentare il rischio di trombosi e di ischemie cerebrali e cardiache nelle donne giovani. E' il risultato di uno studio condotto da Piero Barbanti, direttore del Centro cefalee dell'Irccs San Raffaele Pisana di Roma, Patrizia Ferroni, ricercatrice dell'Irccs nonché professore straordinario all'Università San Raffaele Roma e Fiorella Guadagni, direttore della biobanca Biobim, in pubblicazione sul numero di ottobre di 'Neurology'.

Gli studiosi del centro ricerche romano hanno condotto un'indagine su una popolazione selezionata di 550 soggetti affetti dalla patologia, confrontati con 110 soggetti sani di controlli. E' emerso che nelle donne in età premenopausale (minori di 45 anni), con almeno 25 giorni al mese di emicrania, c'è un aumentato rischio di sviluppare trombosi e quindi ischemie. I ricercatori ipotizzano che questa aumentata coagulabilità sia dovuta non necessariamente a una predisposizione genetica, quanto piuttosto a una disfunzione e infiammazione del rivestimento dei vasi (endotelio) conseguente al susseguirsi dei numerosi episodi di emicrania.

"Lo studio - precisa Barbanti - evidenzia la necessità di trattare in senso preventivo i soggetti che ne siano affetti. I nuovi trattamenti preventivi con anticorpi monoclonali aprono orizzonti favorevoli per i nostri pazienti in questo senso".

"Abbiamo utilizzato - sottolinea Ferroni - un metodo innovativo e pratico per lo studio del rischio trombotico che è stato reso possibile grazie all'esistenza di una sezione della Biobim dedicata in modo specifico all'emicraina, diretta da Fiorella Guadagni".

Ridurre il rischio trombotico legato all'emicrania è dunque possibile: con trattamenti preventivi specifici che rappresentano nuove opportunità che sono oggi in fase di sviluppo, conclude il San Raffaele in una nota. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina