I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Emicrania sconfitta stimolando il nervo vago dall’esterno

Con un apparecchietto che il paziente può applicare sul collo e senza dolore

Pubblicato il 20/09/2017 da Prevenzione a tavola

L'emicrania si potrebbe fermare con una stimolazione non invasiva diretta al 'nervo vago', con uno strumento ad hoc chiamato 'gammaCore' che il paziente può usare in assoluta autonomia poggiandoselo sul collo. L'apparecchio è stato testato su 243 pazienti da esperti dell'Istituto Neurologico C. Mondino e Università di Pavia. Lo studio clinico è stato presentato al 18/imo Congresso della International Headache Society tenutosi a Vancouver in Canada. La stimolazione del nervo vago (tradizionalmente con impianto chirurgico di uno stimolatore sottocute) è già in uso clinico e sperimentale per molte malattie (l'epilessia ad esempio). Ma le sue possibilità sembrano dispiegarsi ulteriormente. Specie dal momento in cui vi sia la possibilità di una stimolazione non invasiva che il paziente possa usare da solo a casa servendosi di un apparecchietto che sta in una mano.

"L'emicrania è la terza malattia più diffusa al mondo e una delle dieci malattie più disabilitanti e si cercano nuove opzioni terapeutiche - spiega Cristina Tassorelli che ha diretto la sperimentazione clinica in doppio cieco (stimolazione vera vs placebo senza che né pazienti né operatori fossero al corrente di chi usava cosa). I dati di questo studio clinico - continua l'esperta in una dichiarazione su Psychology Today - supportano l'uso dell'apparecchio gammaCore per trattare efficacemente l'emicrania, facendone una opzione terapeutica possibile per milioni di pazienti". L'uso dell'apparecchio deve essere ancora approvato dagli organi competenti (FDA e EMA) mentre ad aprile scorso l'FDA ne ha già autorizzato l'uso (negli Stati Uniti) per un altro mal di testa molto invalidante, la cefalea a grappolo. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?