I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pillola ‘zucchero-killer’ migliora la cura del diabete giovanile

Maxi-studio, elimina l'eccesso di glucosio, presto su mercato

Pubblicato il 14/09/2017 da Prevenzione a tavola

Promossa in un maxi-studio clinico avanzato una pillola 'sugar-killer', per il diabete giovanile: pubblicato sul New England Journal of Medicine, lo studio ha visto coinvolta anche l'Italia con l'Università Campus Bio-Medico di Roma ed ha interessato in tutto 133 centri dislocati in 19 paesi. Il farmaco si è dimostrato capace di abbassare la glicemia e l'emoglobina glicata dei pazienti (che è indice di buon controllo della malattia) e soprattutto di ridurre la dose quotidiana d'insulina necessaria alla gestione della malattia. La speciale pasticca (Sotagliflozin), presa la mattina a colazione, si è infatti rivelata capace di tenere a bada il glucosio nel sangue, pur con un minore apporto di insulina, che i diabetici di tipo 1 sono costretti ad assumere sempre perché il loro pancreas ha smesso di produrre l'ormone. Il lavoro è stato presentato al meeting annuale della European Association for the Study of Diabetes (EASD) in corso a Lisbona.

Tenere meglio sotto controllo la malattia grazie a questo farmaco, spiega il primo autore Paolo Pozzilli, docente UCBM, può significare un minor rischio di complicanze a lungo termine. La nuova compressa, che sarà in commercio entro un anno, cancella gli sbalzi glicemici ed evita l'ipoglicemia (pericoloso deficit di zucchero cui può andare incontro i ldiabetico), inoltre stabilizza la pressione e favorisce la perdita di peso. Il trial clinico di fase 3 è durato 24 settimane e vi hanno preso parte 1.402 soggetti con diabete di tipo 1. "La sperimentazione - spiega Pozzilli - ha accertato che questo nuovo farmaco, che fa parte della classe dei cosiddetti inibitori del riassorbimento del glucosio a livello renale, (e che quindi porta all'eliminazione dell'eccesso di zucchero attraverso le urine), è in grado di ridurre il suo assorbimento anche a livello intestinale".

A sottolineare gli effetti del nuovo farmaco e' Andrea Giaccari, diabetologo e responsabile del centro per le malattie endocrine e metaboliche del Policlinico Gemelli di Roma. Il diabete di tipo 1, malattia autoimmune per la quale il sistema immunitario distrugge le cellule del pancreas produttrici di insulina, spiega l'esperto, "si cura solo con la terapia insulinica perche tali soggetti non sono in grado di produrre insulina. L 'obiettivo e' pero' riuscire ad avere anche altri farmaci che possano migliorare la condizione del paziente, in aggiunta alla terapia insulinica". Questo, rileva, "e' il primo farmaco effettivo che arriva in Europa peri I diabete di tipo 1, sempre in aggiunta alla terapia con insulina". La pillola, chiarisce, "funziona eliminando il glucosio attraverso le urine, favorisce il dimagrimento eliminando l'effetto collaterale dell'insulina relativo all'aumento di peso ed inoltre, con la riduzione significativa della emoglobina glicata, ovvero la glicemia media, si presuppone anche una minore comparsa di complicanza a lungo ntermine". E' "sicuramente - afferma Giaccari - un importante passo avanti e uno strumento in piu', che deve essere utilizzati pero' con grande controllo e da mani esperte". Infatti, gran parte dei 300mila italiani affetti da diabete di tipo 1 sono bambini o giovani e "spesso hanno difficolta' ad avere un rapporto continuativo con il medico: bisogna evitare il rischio - conclude l'esperto - di un uso scorretto di tale farmaco che, va ribadito, non e' assolutamente sostitutivo dell'insulina". (http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/09/13/pillola-zucchero-killer-migliora-la-cura-diabete-giovanile_08fc1176-5360-4981-bd2f-07559964e528.html)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina