I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pillola ‘zucchero-killer’ migliora la cura del diabete giovanile

Maxi-studio, elimina l'eccesso di glucosio, presto su mercato

Pubblicato il 14/09/2017 da Prevenzione a tavola

Promossa in un maxi-studio clinico avanzato una pillola 'sugar-killer', per il diabete giovanile: pubblicato sul New England Journal of Medicine, lo studio ha visto coinvolta anche l'Italia con l'Università Campus Bio-Medico di Roma ed ha interessato in tutto 133 centri dislocati in 19 paesi. Il farmaco si è dimostrato capace di abbassare la glicemia e l'emoglobina glicata dei pazienti (che è indice di buon controllo della malattia) e soprattutto di ridurre la dose quotidiana d'insulina necessaria alla gestione della malattia. La speciale pasticca (Sotagliflozin), presa la mattina a colazione, si è infatti rivelata capace di tenere a bada il glucosio nel sangue, pur con un minore apporto di insulina, che i diabetici di tipo 1 sono costretti ad assumere sempre perché il loro pancreas ha smesso di produrre l'ormone. Il lavoro è stato presentato al meeting annuale della European Association for the Study of Diabetes (EASD) in corso a Lisbona.

Tenere meglio sotto controllo la malattia grazie a questo farmaco, spiega il primo autore Paolo Pozzilli, docente UCBM, può significare un minor rischio di complicanze a lungo termine. La nuova compressa, che sarà in commercio entro un anno, cancella gli sbalzi glicemici ed evita l'ipoglicemia (pericoloso deficit di zucchero cui può andare incontro i ldiabetico), inoltre stabilizza la pressione e favorisce la perdita di peso. Il trial clinico di fase 3 è durato 24 settimane e vi hanno preso parte 1.402 soggetti con diabete di tipo 1. "La sperimentazione - spiega Pozzilli - ha accertato che questo nuovo farmaco, che fa parte della classe dei cosiddetti inibitori del riassorbimento del glucosio a livello renale, (e che quindi porta all'eliminazione dell'eccesso di zucchero attraverso le urine), è in grado di ridurre il suo assorbimento anche a livello intestinale".

A sottolineare gli effetti del nuovo farmaco e' Andrea Giaccari, diabetologo e responsabile del centro per le malattie endocrine e metaboliche del Policlinico Gemelli di Roma. Il diabete di tipo 1, malattia autoimmune per la quale il sistema immunitario distrugge le cellule del pancreas produttrici di insulina, spiega l'esperto, "si cura solo con la terapia insulinica perche tali soggetti non sono in grado di produrre insulina. L 'obiettivo e' pero' riuscire ad avere anche altri farmaci che possano migliorare la condizione del paziente, in aggiunta alla terapia insulinica". Questo, rileva, "e' il primo farmaco effettivo che arriva in Europa peri I diabete di tipo 1, sempre in aggiunta alla terapia con insulina". La pillola, chiarisce, "funziona eliminando il glucosio attraverso le urine, favorisce il dimagrimento eliminando l'effetto collaterale dell'insulina relativo all'aumento di peso ed inoltre, con la riduzione significativa della emoglobina glicata, ovvero la glicemia media, si presuppone anche una minore comparsa di complicanza a lungo ntermine". E' "sicuramente - afferma Giaccari - un importante passo avanti e uno strumento in piu', che deve essere utilizzati pero' con grande controllo e da mani esperte". Infatti, gran parte dei 300mila italiani affetti da diabete di tipo 1 sono bambini o giovani e "spesso hanno difficolta' ad avere un rapporto continuativo con il medico: bisogna evitare il rischio - conclude l'esperto - di un uso scorretto di tale farmaco che, va ribadito, non e' assolutamente sostitutivo dell'insulina". (http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/09/13/pillola-zucchero-killer-migliora-la-cura-diabete-giovanile_08fc1176-5360-4981-bd2f-07559964e528.html)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero