I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Estratto del tè verde protegge i denti da carie e eccessiva sensibilità

L'annuncio dei ricercatori della Wuhan University (Cina)

Pubblicato il 11/09/2017 da Prevenzione a tavola

Una sostanza estratta dal tè verde sarebbe in grado di proteggere i denti sensibili e ridurre il rischio di carie. Dei ricercatori della Wuhan University (Cina) hanno messo a punto un materiale fatto di silice con cui rendere impermeabili i denti dall'azione del caldo o del freddo. Lo studio che illustra le proprietà di questo materiale è stato pubblicato su ACS Applied Materials & Interfaces.

LEGGI ANCHE: Composto nel tè verde protegge da obesità, demenza e diabete

I denti diventano sensibili dal momento che lo strato superficiale che li protegge si erode; pertanto la dentina, il tessuto osseo sottostante, è esposto agli stimoli del caldo e del freddo. La dentina contiene dei microscopici tubicini che permettono ai liquidi di entrare in contatto con le terminazioni nervose scatenando il fastidio e le scosse di dolore. L'esposizione della dentina, poi, aumenta il rischio di carie.

Un tentativo di risolvere il problema è stato provato con un minerale chiamato nanoi-drossiapatite con cui riempire i tubicini del tessuto dentale. Il materiale però non si è dimostrato resistente all'azione meccanica dello spazzolino per l'igiene orale o alla produzione di acido causata dai batteri responsabili della carie. Per questo i ricercatori hanno cercato di mettere a punto un materiale più resistente.

Hanno così incapsulato questo minerale e un polifenolo del tè verde (l'epigallocatechina gallato EGCG) in nanoparticelle di silice capaci di resistere all'azione degli acidi e alle sollecitazioni meccaniche. Precedenti studi avevano dimostrato come il polifenolo fosse in grado di contrastare un battere cariogeno, lo Streptococcus mutans.

Ebbene, i test condotti su denti del giudizio estratti hanno indicato come il materiale per ostruire i tubicini della dentina resistesse all'erosione dentale e allo strofinio e prevenisse la formazione della pellicola che causa la carie. Il materiale ha infine mostrato un basso grado di tossicità. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina