I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Antiossidanti ‘bloccano’ il Parkinson

Passi avanti nella lotta al Parkinson

Pubblicato il 08/09/2017 da Prevenzione a tavola

Passi avanti nella lotta al Parkinson. Gli scienziati della Northwestern Medicine non solo hanno identificato la cascata tossica che porta alla degenerazione neuronale nei pazienti, ma hanno anche capito come interromperla. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su 'Science'. Ebbene, a mettere un freno al Parkinson è un intervento con un antiossidante all'inizio del processo di malattia: i ricercatori hanno scoperto che così si può interrompere il ciclo degenerativo e migliorare la funzione dei neuroni.

Gli scienziati hanno anche scoperto che i modelli di topi con Parkinson - utilizzati spesso nei laboratori - non presentano le stesse anomalie rilevate nei neuroni degli esseri umani. Un elemento che mette in luce l'importanza di studi sui neuroni umani per sviluppare nuove terapie efficaci. Lo studio è stato condotto dal team di Dimitri Krainc della Northwestern University Feinberg School of Medicine, ed è iniziato circa sei anni fa nel laboratorio di Krainc presso il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School, per essere completato negli ultimi quattro anni a Feinberg. Usando neuroni di malati di Parkinson, i ricercatori hanno identificato una cascata tossica di disfunzioni lisosomiali e mitocondriali, avviata da un accumulo di dopamina ossidata e di una proteina chiamata alfa-sinucleina.

Un meccanismo che però, assicurano, può essere interrotto. "E questo con specifici antiossidanti che migliorano lo stress ossidativo mitocondriale e riducono la dopamina ossidata", spiega Kranc. Un approccio che può aprire la strada a future terapie, che dovranno andare però a braccetto con test genetici in grado di individuare precocemente i pazienti. Prima cioè che si manifestino i sintomi della malattia. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia