I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori, “penna” li identifica in 10 secondi. Nel 2018 i test sull’uomo

In alcuni casi il dispositivo è in grado anche di riconoscere il sottotipo del tumore

Pubblicato il 07/09/2017 da Prevenzione a tavola

Si maneggia come una penna, ma è uno strumento che permette di riconoscere i tumori in 10 secondi e con un’accuratezza del 96%. MasSpec Pen, questo il suo nome, è un dispositivo sviluppato dall’università del Texas ad Austin che servirà ai chirurghi per avere informazioni diagnostiche precise e in tempo reale su quale tessuto rimuovere o conservare in casi di tumore, migliorando la terapia e riducendo le probabilità di recidive. I ricercatori contano di sperimentarlo sull’uomo a partire dal 2018.

La “penna”, testata per ora su topi viventi, è dotata di una punta stampata in 3D e fatta di un materiale biocompatibile. In questo modo può estrarre le molecole da controllare dal tessuto con poche goccioline d’acqua; le trasferisce attraverso un tubo flessibile allo spettrometro di massa e questo calcola la massa delle molecole presenti nel campione. Dopo pochi secondi su uno schermo compare il risultato. In alcuni casi il dispositivo è in grado anche di riconoscere il sottotipo del tumore, come spiega la ricerca pubblicata su Science Translational Medicine, la rivista dell’Associazione americana per l’avanzamento della scienza.

Ciò è possibile perché ogni forma tumorale produce dei metaboliti particolari, come una sorta di firma. Dopo aver analizzato i campioni dei tessuti tumorali di 253 pazienti (polmone, ovaie, tiroide e seno), i ricercatori sono riusciti a sviluppare un profilo molecolare, arrivando così a identificare i tumori con un’accuratezza del 96%. In questo modo, la “penna” riesce ad essere 150 volte più veloce rispetto alle attuali tecnologie nell’identificare i tumori e riesce a farlo senza danneggiare i tessuti sani. Rimuovere troppo tessuto sano, durante la chirurgia, può provocare effetti collaterali ai pazienti, come danni ai nervi o ai muscoli. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?