I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Con molta carne rossa e pollame cresce il rischio di diabete

Chiave in contenuto ferro; per il pollo e' meglio preferire il petto

Pubblicato il 07/09/2017 da Prevenzione a tavola

Il consumo di molta carne rossa e pollame è associato a un maggior rischio di diabete 2. La chiave potrebbe stare, parzialmente, nel contenuto di ferro (quello di derivazione animale) di queste carni. A evidenziarlo è uno studio della Duke-NUS Medical School di Singapore, pubblicato su American Journal of Epidemiology. Per la ricerca sono stati presi in esame i dati relativi al Singapore Health Study, che ha reclutato 63.257 adulti di età compresa tra i 45 e i 74 anni tra il 1993 e il 1998 e poi li ha seguiti per una media di circa 11 anni. Dall'analisi dei dati è emersa una correlazione tra l'assunzione di carni rosse e pollame e il rischio di sviluppare il diabete.

In particolare, rispetto a chi veniva collocato nel gruppo che consumava meno queste carni, coloro che invece ne consumavano la più alta quantità avevano un aumento del rischio di diabete rispettivamente del 23% e del 15%. L'assunzione di pesce e crostacei non era invece associata rischio di diabete. Anzi, sostituendoli alle carni rosse e al pollame, le probabilità di andare incontro alla malattia risultavano ridotte. Non solo: oltre alla correlazione con il ferro, per quanto riguarda la carne rossa secondo gli studiosi vi erano anche altre sostanze chimiche che potevano essere responsabili di un aumento del rischio di diabete. Secondo i ricercatori, che evidenziano come i risultati di questo studio svolto sulla popolazione asiatica siano coerenti con altre ricerche svolte in Occidente, il messaggio da tener presente è che la carne non va eliminata dalla dieta ma semmai alternata con pesce, soia e legumi. Inoltre, del pollo vanno preferite parti che contengono meno ferro di derivazione animale, come il petto, rispetto alle cosce. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo