I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Con sindrome ovaio policistico rischio diabete quadruplica

Malattia legata alla resistenza dell'insulina

Pubblicato il 04/09/2017 da Prevenzione a tavola

La sindrome dell'ovaio policistico, uno dei più comuni disturbi ginecologici nelle donne in età riproduttiva, è legata a un rischio quattro volte maggiore di sviluppare diabete di tipo 2. Questa patologia, che si caratterizza per alterazioni degli ormoni, per l'ingrossamento delle ovaie e la presenza di cisti ovariche multiple, colpisce il 5-10% delle donne ed è legata anche a una resistenza all'insulina. I muscoli, il grasso e il fegato non rispondono correttamente all'ormone, quindi il corpo continua a produrne di più e questo è un fattore di rischio per lo sviluppo di diabete.

Emerge da uno studio danese, dell'Ospedale universitario di Odense, pubblicato su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. Gli studiosi hanno preso in esame i dati relativi a 19.639 donne in età fertile con sindrome dell'ovaio policistico seguite in media per 11 anni, confrontandole con altre che avevano la stessa età ma non la stessa patologia, per un totale di 54.680. Sono stati analizzati i livelli di glucosio, testosterone, trigliceridi e colesterolo, ma anche altri fattori come l'età e l'indice di massa corporea. "Abbiamo scoperto che il rischio di sviluppare il diabete è quattro volte maggiore e che la malattia viene diagnosticata quattro anni prima nelle donne con sindrome dell'ovaio policistico"sintetizza Dorte Glintborg, una delle autrici dello studio. In queste ultime la diagnosi di diabete avviene infatti a circa 31 anni, a fronte di una media di 35. Indice di massa corporea e livello di glucosio sono fattori da monitorare in modo particolare perché possono predire il rischio. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina