I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Napoli, la denuncia: cadavere per ore vicino al bagno. L’ospedale: non è così

E' accaduto in un reparto del Cardarelli di Napoli

Pubblicato il 30/08/2017 da Prevenzione a tavola

Il cadavere di un uomo, morto dopo essere giunto in codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli, sarebbe stato lasciato alcune ore sopra una barella e coperto da un lenzuolo nei pressi di un bagno all'interno di un reparto non lontano dai ricoverati. E' quanto denunciato dalla parente di un paziente, secondo la quale il cadavere sarebbe stato lasciato in un'area nei pressi di un bagno, ben visibile a malati e parenti in visita.

Dall'ospedale fanno però sapere che il cadavere era stato trasportato dal reparto all'interno della medicheria, come spesso accade prima del trasferimento all'obitorio e che la donna non era autorizzata ad entrare all'interno della stanza dove si trovava la barella.

L'OSPEDALE PRECISA - "La salma non è mai stata 'appoggiata' nel bagno, come incautamente riportato da alcune testate online, né tantomeno per 3 ore. Il paziente, come sempre accade al Cardarelli, ha ricevuto il massimo rispetto, nella malattia e, purtroppo, anche nella morte" fa sapere la direzione generale dell'ospedale, in una nota nella quale ricostruisce la vicenda.

"Il paziente S. G. - questa la ricostruzione della direzione del Cardarelli - arrivato al Pronto soccorso in codice giallo alle ore 16.46 del 29 agosto, è stato ricoverato in Chirurgia d'urgenza alle ore 20.30 della stessa serata. Il paziente, già in condizioni disperate in quanto la sua patologia di base lo caratterizzava come 'paziente in fase terminale', è deceduto alle ore 10 di questa mattina dopo assistenza medica e rianimatoria iniziata dalle ore 9".

LA RICOSTRUZIONE - "Dopo il decesso - si legge ancora -, al fine di permettere la composizione della salma ed evitare che la stessa restasse nell'area di degenza, come del resto da prassi, si è provveduto al trasferimento nella medicheria del reparto. L'area in questione è inibita ai degenti ed è riservata esclusivamente al personale. La salma è stata poi prelevata alle ore 10.50 e trasportata all'obitorio".

La direzione strategica rende noto che "provvederà a intraprendere ogni azione necessaria al fine di evitare che la distorsione dei fatti possa causare un danno di immagine all'azienda ospedaliera".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Corsi - Prevenzione a tavola

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Corsi - Prevenzione a tavola

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze