I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Epidemia oppiacei Usa, quadruplicati morti dal 1999

Fentanil 'killer n.1' nelle città. E' allarme anche antidepressivi

Pubblicato il 21/08/2017 da

Dal 1999 negli Stati Uniti sono quadruplicate le prescrizioni di farmaci oppiacei, così come le morti per overdose, e il ‘killer’ n.1′ adesso si chiama ‘Fentanyl’. Secondo gli ultimi dati, infatti, questo potente analgesico oppioide sintetico appartenente alla classe delle fenilpiperidine, sarebbe responsabile di quasi 4.000 decessi avvenuti l’anno scorso, con un aumento del 600% rispetto alle morti per overdose di questo tipo del 2014.

In questi ultimi anni in alcune parti degli Stati Uniti le overdose per eroina sono virtualmente scomparse, ma quelle causate dagli oppiacei solo nel 2015 – ultimo anno di cui sono stati diffusi i dati dal ‘Centers for Disease Control and Prevention’- sono state ben 33.000 (15 mila usando prescrizioni mediche), su un totale di 52.000. Un numero ben superiore a quelli delle vittime della strada negli Usa. Considerando che nel quindicennio cominciato nel 2000 i morti per overdose da oppiacei sono stati in tutto 180.000, l’aumento è notevole.

E secondo un’inchiesta a livello nazionale del New York Times, nel 2016 si è registrato un ulteriore aumento di circa il 19%. Trend che sembra continuare in crescita anche nel 2017 nonostante le prime misure di contenimento. Quella degli oppiacei è stata infatti definita una vera e propria epidemia e il 10 agosto scorso il presidente Trump l’ha dichiarata ’emergenza nazionale’. “La crisi degli oppiacei è un’emergenza nazionale, lo dico in maniera ufficiale. Spenderemo molto tempo, molti sforzi e molto denaro per affrontare questa crisi”.

Dichiarazione, arrivata dopo alcune tergiversazioni, ma che comunque permette ai governi statali di aumentare l’accesso al naloxone, un farmaco capace di invertire l’effetto dell’overdose. Le autorità sanitarie Usa stimano che attualmente gli americani assuefatti agli oppiacei siamo più di due milioni: almeno 1 paziente su quattro che si sottopone a una cura di antidolorifici per cause non legate ai tumori finisce per contrarre l’assuefazione. Inoltre, ogni giorno almeno 1.000 persone negli Usa sono trattate nelle strutture di pronto soccorso per emergenze legate all’abuso o all’uso sbagliato di antidolorifici. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato