I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Torna la paura peste nera: ​nuovo focolaio in Arizona

In Arizona trovate pulci infette con la peste nera, la malattia che nel XIV secolo falcidiò il 60% della popolazione europea

Pubblicato il 19/08/2017 da Prevenzione a tavola

La peste nera non è stata sconfitta. Non del tutto, almeno. A dimostrarlo c'è il nuovo focolaio confermato dalle autorità in Arizona, dove negli ultimi giorni sono state trovate pulci infettate da quella che nel Medioevo veniva chiamata la "Morte Nera". Una piaga che ha ucciso, secondo le stime degli storici, circa il 60% della popolazione europea con le sue epidemie scoppiate nel XIV secolo. Solo l'arrivo degli antibiotici ha permesso di debellarla in Europa e Australia, ma sopravvive in alcune zone del Sud America, dell'Africa e in alcuni casi anche negli Usa.

LEGGI ANCHE: Uova contaminate, Ue: “15 Paesi coinvolti, anche l’Italia”

I dipartimenti della salute di Navajo e Coconino (Arizona), infatti, nei giorni scorsi hanno confermato di aver trovato la pese su alcune pulci nei cani della città di Taylor. L'invito delle autorità, come riporta il Corriere, è stato ovviamente quello alla prudenza, cercando di evitare contatti con gli animali che potrebbero fare da veicolo con le pulci infette: cani, roditori, conigli e i loro predatori.

In che modo la peste può arrivare all'uomo? Basta che una pulce infetta morda un essere umano o che questi entri in contatto con un animale infetto che la Morte Nera può aggredire le difese immunitarie dell'uomo. Semplice e letale, anche se ormai il tasso di mortalità è molto basso.

Gli ultimi casi di contagio sull'uomo risalgono a qualche mese fa, all'inizo dell'estate, quando tre persone sono state ricoverate a SAnta Fe, nel Nuovo Messico. Si trattava di un 63enne e di due donne, di 52 e 62 anni. Tutti sono fuori pericolo di vita dopo aver passato qualche giorno in ospedale.

I numeri raccolti dal Centro per il Controllo delle Malattie ( CDC ) parlano di circa mille casi negli Usa tra il 1900 e il 2012, mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità stima in 3mila casi il totale di infezioni all'anno in tutto il mondo. L'anno peggiore per gli Stati Uniti è stato il 2006, quando 2 persone persero la vita a causa della Morte Nera. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande