I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Pubblicato il 10/08/2017 da Pippo

Una grana molto sottile e un acceso colore verde sono le sue caratteristiche che saltano subito agli occhi. È il tè matcha, un tè verde in polvere proveniente dall'Oriente. La bevanda ha attirato l'attenzione di tanti ricercatori per indagare i suoi potenziali benefici. Come ricorda il National Center for Complementary and Integrative Health dell'Istituto nazionale di salute americano non possono però essere tratte delle conclusioni definitive sugli effetti benefici del tè verde. In ogni caso consumarlo in quantità moderate è generalmente sicuro.

Il tè matcha arriva dalla Cina con le sue origini che vengono fatte risalire al nono secolo, tuttavia sono stati i monaci buddisti giapponesi a scoprirne le proprietà. Il suo processo di lavorazione è particolare: il tè matcha è prodotto a partire da foglie di alta qualità, i tencha, cresciute all’ombra. Dopo la loro raccolta manuale vengono trattate al vapore per proteggerle dall'ossidazione e quindi per mantenere le sue qualità organolettiche. Dopo di che vengono macinate con delle pietre di granito fino a ottenere una polvere molto fina. (...)

Quali benefici?

Diversi studi hanno cercato di approfondire gli effetti del consumo di matcha sulle prestazioni cognitive. L'istituto americano ricorda come il tè verde rinforzi la lucidità mentale come ci si aspetterebbe visto il suo contenuto di caffeina. Oltre alla caffeina sono state la L-teanina e l'epigallocatechina gallato ad attirare l'attenzione dei ricercatori su questi aspetti. Un recente articolo apparso su Food Research International ha concluso che il tè matcha potrebbe migliorare ma di poco l'attenzione e la memoria. Un'altra ricerca pubblicata su Current Pharmaceutical Design fa notare invece come la L-teanina e la caffeina potrebbero avere dei ruoli confliggenti, con la prima che smorzerebbe l'effetto eccitante della seconda. La L-teanina avrebbe dunque un effetto rilassante. Un'altra sostanza contenuta nel matcha, la teofillina, potrebbe aiutare invece ad aumentare le energie a disposizione, mentre la clorofilla stimolerebbe i meccanismi di depurazione. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?