I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti

Un articolo apparso su Food Research International ha concluso che potrebbe migliorare anche l'attenzione e la memoria

Pubblicato il 10/08/2017 da

Una grana molto sottile e un acceso colore verde sono le sue caratteristiche che saltano subito agli occhi. È il tè matcha, un tè verde in polvere proveniente dall’Oriente. La bevanda ha attirato l’attenzione di tanti ricercatori per indagare i suoi potenziali benefici. Come ricorda il National Center for Complementary and Integrative Health dell’Istituto nazionale di salute americano non possono però essere tratte delle conclusioni definitive sugli effetti benefici del tè verde. In ogni caso consumarlo in quantità moderate è generalmente sicuro.

Il tè matcha arriva dalla Cina con le sue origini che vengono fatte risalire al nono secolo, tuttavia sono stati i monaci buddisti giapponesi a scoprirne le proprietà. Il suo processo di lavorazione è particolare: il tè matcha è prodotto a partire da foglie di alta qualità, i tencha, cresciute all’ombra. Dopo la loro raccolta manuale vengono trattate al vapore per proteggerle dall’ossidazione e quindi per mantenere le sue qualità organolettiche. Dopo di che vengono macinate con delle pietre di granito fino a ottenere una polvere molto fina. (…)

Quali benefici?

Diversi studi hanno cercato di approfondire gli effetti del consumo di matcha sulle prestazioni cognitive. L’istituto americano ricorda come il tè verde rinforzi la lucidità mentale come ci si aspetterebbe visto il suo contenuto di caffeina. Oltre alla caffeina sono state la L-teanina e l’epigallocatechina gallato ad attirare l’attenzione dei ricercatori su questi aspetti. Un recente articolo apparso su Food Research International ha concluso che il tè matcha potrebbe migliorare ma di poco l’attenzione e la memoria. Un’altra ricerca pubblicata su Current Pharmaceutical Design fa notare invece come la L-teanina e la caffeina potrebbero avere dei ruoli confliggenti, con la prima che smorzerebbe l’effetto eccitante della seconda. La L-teanina avrebbe dunque un effetto rilassante. Un’altra sostanza contenuta nel matcha, la teofillina, potrebbe aiutare invece ad aumentare le energie a disposizione, mentre la clorofilla stimolerebbe i meccanismi di depurazione. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Corsi - Prevenzione a tavola

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Corsi - Prevenzione a tavola

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro