I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’allattamento riduce il rischio di tumore al seno nelle mamme

Ogni cinque mesi in più il rischio è inferiore del 2%

Pubblicato il 08/08/2017 da Pippo

Tra i tanti benefici dell'allattamento c'è anche quello di ridurre, seppur di una piccola percentuale, il rischio di tumore al seno nelle mamme. Per coloro che possono allattare, infatti, ogni cinque mesi in più offrono un rischio inferiore del 2%. E' quanto emerge da una ricerca effettuata dall'American Institute for Cancer Research (AICR), in occasione della World Breastfeeding Week, la settimana dedicata all'allattamento nella prima settimana di agosto.

LEGGI ANCHE: Tumore al seno, un test puo’ risparmiare la chemio

Per arrivare a questa conclusione gli studiosi hanno revisionato 18 studi precedenti, 13 dei quali si sono soffermati proprio sulla durata delle poppate al seno. La ricerca suggerisce inoltre che i neonati allattati al seno hanno meno probabilità di prendere eccessivamente peso durante la crescita e negli adulti il sovrappeso e l'obesità aumentano il rischio di 11 tumori comuni.

"Non è sempre possibile che le mamme allattino, ma per coloro che possono, e' importante sapere che l'allattamento al seno può offrire la protezione contro il cancro sia per la madre che per il bambino", spiega la direttrice dell'AICR per i programmi di nutrizione Alice Bender. Ci sono diversi modi possibili con cui l'allattamento al seno può influenzare il rischio di tumore. Ad esempio, può ritardare i cicli mestruali nelle neomamme, riducendo l'esposizione a ormoni come estrogeni, legati al rischio di cancro al seno. La perdita del tessuto mammario dopo l'allattamento può anche aiutare a liberarsi delle cellule con un danno del DNA. Ma è lo stile di vita che può fare un ulteriore differenza: niente alcol, attività fisica e il mantenimento di un peso sano sono fattori fondamentali per ridurre il rischio. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali