I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Respirare erbicidi e pesticidi aumenta rischio disturbi respiratori

Lo dimostra uno studio pubblicato su Thorax, rivista della British Thoracic Society

Pubblicato il 03/08/2017 da Prevenzione a tavola

Respirare erbicidi e pesticidi aumenta notevolmente il rischio di disturbi respiratori. Lo dimostra uno studio pubblicato su Thorax, rivista della British Thoracic Society, che ne ha esaminato le conseguenze in persone esposte a queste sostanze sul posto di lavoro e da cui è emersa una maggiore probabilità di sviluppare malattie polmonari ostruttive croniche (BPCO), bronchite e altri problemi di respirazione.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati raccolti su 1.335 lavoratori, con età media di 45 anni, raccogliendo informazioni sull'esposizione sul posto di lavoro agli inquinanti e risultati di prove respiratorie. Nel complesso, il 6% dei partecipanti ha avuto BPCO e l'8,6% bronchite cronica.

Coloro che erano esposti agli erbicidi sul posto di lavoro, avevano più di due volte la probabilità di sviluppare la BPCO, e l'esposizione ai pesticidi era associata a una probabilità più alta del 74%. Chi era stato esposto almeno per un decennio ai pesticidi ha riportato un rischio aumentato del 12% della BPCO e un rischio maggiore di 16% per la bronchite cronica. Ogni ulteriore decade di esposizione agli erbicidi, ha portato un aumento del rischio di bronchite del 22% e ogni decade di esposizione ad insetticidi un aumento del 15% di bronchite. Pur se non si trattava di un esperimento controllato, lo studio, dichiara l'autore Sheikh Alif dell'Università di Melbourne in Australia, dimostra che "l'esposizione a lungo termine ai pesticidi aumenta la secrezione di muco e la contrazione muscolare nei polmoni, causando anomalie e tosse". (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?