Alzheimer, laser risveglia ricordi

di Pippo

Una possibilità di ricordare nomi, eventi e storie ‘rubate’ dall’Alzheimer. Le memorie perdute possono essere risvegliate, magari con l’aiuto del laser, come hanno dimostrato i ricercatori della Columbia University in uno descritto sul ‘New Scientist’.

LEGGI ANCHE: Alzheimer, allo studio ‘dieta intelligente’

Questo dimostrerebbe che l’Alzheimer non distrugge i nostri ricordi, ma piuttosto blocca la nostra capacità di riportarli alla mente, spiega Christine Denny della Columbia University. Lo studio, condotto sui topi, suggerisce dunque che i ‘buchi’ nella memoria legati all’Alzheimer non sono frutto di ricordi cancellati per sempre, ma solo bloccati. Ricordi che potrebbero essere risvegliati attivando artificialmente i neuroni che li custodiscono.

Ma in che modo risvegliare i ricordi? Il team ha usato topi geneticamente modificati, i cui neuroni diventavano gialli se attivati durante l’accumulo di ricordi e rossi in fase di rimembranza. Sono stati creati due set di topi, uno sano e uno con una condizione simile all’Alzheimer nell’uomo. In questo modo i ricercatori hanno scoperto che, usando una tecnica chiamata optogenetica, si potevano riattivare i ricordi perduti per via dell’Alzheimer.

Applicando una luce laser blu nel cervello, i ricercatori sono stati in grado di stimolare i neuroni giusti, ‘riaccendendo’ il ricordo di un evento pauroso: i topolini, che prima erano indifferenti se sottoposti ad uno stimolo evocativo, dopo si paralizzavano dalla paura. Questo mostra che le memorie perdute in realtà possono essere recuperate. (FONTE)

Condividi il post

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

I nostri corsi
sono validati da:

© Prevenzione a tavola - Partita Iva: 02739610992 - REA: 507759