I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo zucchero aumenta il rischio di ansia e depressione

C’è un legame tra una dieta ricca di zuccheri e la comparsa dell’ansia e della depressione

Pubblicato il 31/07/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo obesità, problemi al cuore e diabete: un’assunzione esagerata di zuccheri, specialmente nei maschi, aumenta non di poco il rischio di avere a che fare con ansia e depressione. A ipotizzarlo è uno studio dell’University College London (UCL), che ha mostrato una connessione tra una dieta ricca di cibo spazzatura (in questo caso bibite e dolci) e la comparsa di patologie psichiatriche.

LEGGI ANCHE: Tutti i benefici del sedano

LO STUDIO La ricerca è stata molto ampia e si è concentrata su più di 8000 adulti residenti nel Regno Unito. I partecipanti hanno compilato regolarmente, a partire dagli anni ’80, questionari riguardanti i loro stili di vita, caratterizzati da domande del tipo “quanto spesso ti capita di mangiare una fetta di torta?”. Gli studiosi hanno inoltre sottoposto i soggetti a indagini sulla loro salute mentale e sul rapporto peso-altezza.

RISULTANTI PREOCCUPANTI SUGLI UOMINI Negli uomini che hanno assunto una maggior quantità di cibo zuccherato (bibite frizzanti, torte, merendine e tè freddo), secondo i risultati, il rischio di contrarre ansia e depressione nei cinque anni successivi è aumentato del 23%. Sulle donne, che comunque erano in minoranza, non sono stati riscontrati gli stessi esiti così significativi.

LO ZUCCHERO MINACCIA LE CELLULE NERVOSE Una possibile motivazione è la seguente: lo zucchero può influenzare (negativamente) lo sviluppo delle cellule nervose perché ridurrebbe la presenza di una proteina molto importante per la corretta crescita dei neuroni nel cervello. Questo fenomeno è collegato alla comparsa delle patologie psichiatriche di cui ha parlato la ricerca. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Corsi - Prevenzione a tavola

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca