I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo zucchero aumenta il rischio di ansia e depressione

C’è un legame tra una dieta ricca di zuccheri e la comparsa dell’ansia e della depressione

Pubblicato il 31/07/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo obesità, problemi al cuore e diabete: un’assunzione esagerata di zuccheri, specialmente nei maschi, aumenta non di poco il rischio di avere a che fare con ansia e depressione. A ipotizzarlo è uno studio dell’University College London (UCL), che ha mostrato una connessione tra una dieta ricca di cibo spazzatura (in questo caso bibite e dolci) e la comparsa di patologie psichiatriche.

LEGGI ANCHE: Tutti i benefici del sedano

LO STUDIO La ricerca è stata molto ampia e si è concentrata su più di 8000 adulti residenti nel Regno Unito. I partecipanti hanno compilato regolarmente, a partire dagli anni ’80, questionari riguardanti i loro stili di vita, caratterizzati da domande del tipo “quanto spesso ti capita di mangiare una fetta di torta?”. Gli studiosi hanno inoltre sottoposto i soggetti a indagini sulla loro salute mentale e sul rapporto peso-altezza.

RISULTANTI PREOCCUPANTI SUGLI UOMINI Negli uomini che hanno assunto una maggior quantità di cibo zuccherato (bibite frizzanti, torte, merendine e tè freddo), secondo i risultati, il rischio di contrarre ansia e depressione nei cinque anni successivi è aumentato del 23%. Sulle donne, che comunque erano in minoranza, non sono stati riscontrati gli stessi esiti così significativi.

LO ZUCCHERO MINACCIA LE CELLULE NERVOSE Una possibile motivazione è la seguente: lo zucchero può influenzare (negativamente) lo sviluppo delle cellule nervose perché ridurrebbe la presenza di una proteina molto importante per la corretta crescita dei neuroni nel cervello. Questo fenomeno è collegato alla comparsa delle patologie psichiatriche di cui ha parlato la ricerca. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Corsi - Prevenzione a tavola

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Corsi - Prevenzione a tavola

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze