I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Le diete vegetariana e vegana hanno la stessa sostenibilità

Studio di 5 atenei sull'impatto delle diete sull'ambiente

Pubblicato il 25/07/2017 da Prevenzione a tavola

Tra la dieta vegetariana e la dieta vegana non si riscontrano differenze significative di sostenibilità ambientale. Il regime alimentare onnivoro, invece, presenta valori d'impatto significativamente più elevati per tutti gli indicatori ambientali rispetto al gruppo a dieta vegetariana e vegana. È uno dei punti di una ricerca che ha avuto come oggetto il confronto tra la sostenibilità dei tre regimi alimentari diversi - onnivoro, vegetariano e vegano - utilizzando dati provenienti da consumi reali.

Lo studio - cui hanno lavorato ricercatori di cinque Università Parma, Bologna, Bolzano, Torino e Cambridge - è stato pubblicato dal gruppo di Nutrizione Umana del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell'Università di Parma su Scientific Reports con un articolo dal titolo "Environmental impact of omnivorous, ovo-lacto-vegetarian, and vegan diet".

Secondo lo studio, anche se la dieta vegana, che comprende esclusivamente alimenti di origine vegetale, potrebbe sembrare il modello alimentare che può maggiormente salvaguardare le risorse ambientali, è importante considerare che gli alimenti vegetali consumati in una dieta vegana sono spesso altamente trasformati e possono arrivare da Paesi anche molto lontani. Inoltre, per raggiungere l'introito energetico, la quantità di frutta, verdura o legumi che deve essere consumata al posto dei prodotti animali è elevata. Tutti questi fattori possono spiegare l'impatto sull'ambiente delle scelte alimentari associate a questo regime alimentare. Lo studio è stato realizzato nell'ambito del progetto Prin (Programmi di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale) "Microrganismi negli alimenti: studio del microbiota e del relativo metaboloma in funzione della dieta onnivora, vegetariana e vegana". Considerando il cibo consumato settimanalmente dai 153 partecipanti alla ricerca - spiega una nota dell'ateneo di Parma - sono stati calcolati i dati nutrizionali e ambientali medi giornalieri per i tre gruppi dietetici.

L'introito calorico era simile, ma gli impatti ambientali hanno messo in evidenza sostanziali differenze. Dalle analisi è infatti emerso che il regime alimentare onnivoro presenta valori d'impatto significativamente più elevati per tutti gli indicatori ambientali rispetto al gruppo a dieta vegetariana e vegana. Questo risultato è in linea con i dati di numerosi studi scientifici condotti in altri Paesi, che hanno dimostrato il vantaggio ambientale di modelli alimentari basati principalmente su prodotti vegetali. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero