I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Da nuova classe farmaci speranze anche per Diabete tipo 1

Purrello (Sid), bloccare glucagone può avere un impatto clinico

Pubblicato il 19/07/2017 da Prevenzione a tavola

Da una nuova classe di farmaci oggi in sperimentazione per il diabete di tipo 2 potrebbe arrivare una terapia aggiuntiva per il diabete di tipo 1. A testare nuovi utilizzi dell'antagonista del recettore del glucagone, sono stati i ricercatori dell'Università della California di San Diego.

Il glucagone è un ormone che, insieme all'insulina, viene prodotto dal pancreas e regola il livello di glucosio nel sangue. In particolare è antagonista dell'insulina e ha la funzione opposta, ovvero serve ad alzare il livello di glucosio.

La sua produzione è fortemente disregolata in pazienti con diabete 1, o giovanile, e provoca per questo fluttuazioni di glicemia. In un precedente lavoro preclinico sui topi che mancavano di cellule beta pancreatiche e non potevano produrre insulina, si è visto che somministrare un antagonista del recettore del glucagone (in particolare un anticorpo che blocca la segnalazione del recettore del glucosio, REMD-477), aveva un effetto notevole nell'abbassare la glicemia senza ricorrere all'insulina. Nel nuovo studio di fase 1 i ricercatori ne hanno testato effetti su 21 pazienti tra i 18 e i 60 anni con diabete di tipo 1 e che utilizzavano una pompa per la somministrazione di insulina. Dai risultati, presentati all'American Diabetes Association (ADA) 2017 Scientific Session, è emerso che coloro che hanno ricevuto una singola iniezione sottocutanea di REMD-477 hanno usato meno insulina rispetto a chi ha ricevuto placebo. Gli effetti avversi erano lievi o moderati e non esistevano differenze significative nel tasso di ipoglicemia.

"E' uno studio interessante - commenta Francesco Purrello, presidente eletto della Società Italiana di Diabetologia (Sid) - perché, pur se pilota, cerca di portare evidenze a supporto del fatto che sia nel diabete 1 che 2 c'è un eccesso di glucagone prodotto in maniera incontrollata e ridurne i livelli può aiutare a migliorare il controllo glicemico. In questo caso non solo il farmaco ha modulato gli effetti del glucagone, ma ha anche ridotto la quantità di insulina giornaliera da somministrare per mantenere il controllo glicemico. Questo autorizza a ben sperare". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale