I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il mal di testa si può curare anche con gli impulsi elettrici

Studio italiano dimostra efficacia neurostimolazione

Pubblicato il 18/07/2017 da Prevenzione a tavola

Il mal di testa può essere curato con la neurostimolazione transcutanea che utilizza impulsi elettrici. Lo dimostra uno studio italiano, i cui risultati sono stati pubblicati su Neurological Sciences. Dunque non farmaci ma un piccolo strumento, una sorta di diadema o cerchietto, da appoggiare sulla fronte per curare e prevenire gli attacchi di emicrania nelle persone che proprio per questo problema fanno abuso di farmaci. L'obiettivo dello studio multicentrico coordinato da Paola Di Fiore del Centro Cefalee dell'Ospedale San Carlo di Milano, diretto da Fabio Frediani, è stato quello di valutare l'efficacia del dispositivo che si applica sulla fronte dal quale partono dei microimpulsi che stimolano il nervo trigemino per ridurre il dolore dell'emicrania e prevenirne gli attacchi, come terapia di profilassi in pazienti con emicrania cronica e abuso di analgesici.

Gli obiettivi erano la riduzione almeno del 50 % dei giorni di emicrania al mese e del consumo di analgesici. Tutti i pazienti sono stati istruiti all'utilizzo del dispositivo tutti i giorni per 20 minuti per il trattamento di profilassi. Il follow up è stato di 4 mesi. Sono stati inclusi 23 pazienti (18 donne) con Emicrania cronica e abuso di analgesici, pazienti con lunga storia di emicrania cronica da almeno 10 anni con in media 20 giorni al mese di emicrania e un consumo di 20 analgesi al mese in media, ha spiegato Di Fiore. A un follow up di 4 mesi, ha risposto il 35% dei pazienti, che ha presentato una riduzione del 58% dei giorni di emicrania passando da una media di 18 a una media di 7.5 giorni/mese e una riduzione del 69% del consumo di analgesici passando da una media di 20 a una media di 6 analgesici/mese.

"Tutti i pazienti - afferma Fiore - hanno presentato un globale vantaggio con una riduzione dei giorni di emicrania al mese e del consumo di analgesici al mese di oltre il 50%. E' inoltre incoraggiante - ha concluso - il vantaggio mantenuto nel tempo e per un periodo sufficientemente lungo". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute