I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta mediterranea, alleato nei pazienti oncologici

Libro consiglia alimenti e ricette di supporto alle cure

Pubblicato il 18/07/2017 da Prevenzione a tavola

Cereali antichi come l'avena e il farro integrale, olio extravergine d'oliva, verdure di stagione e frutti di bosco, legumi, pesce azzurro dei nostri mari. La dieta mediterranea è una irrinunciabile e sana abitudine per tutti e può diventare anche un prezioso alleato per i pazienti oncologici. Un adeguato stile alimentare può, infatti, modulare gli effetti negativi delle terapie e al tempo stesso aiutare l'organismo ad essere più ricettivo alle cure stesse. Recenti studi hanno anche dimostrato l'estrema utilità di alimenti e spezie, come alghe, riso basmati, funghi shiitake, curcuma, che pur non facendo parte della nostra dieta sono validi aiuti in una alimentazione salutare e nella prevenzione.

LEGGI ANCHE: Tumori del colon-retto, i benefici della dieta mediterranea

Il libro 'La dieta mediterranea integrata e terapie oncologiche' (Edizioni Latitudine 41) cerca di dare risposte agli interrogativi che i pazienti oncologici si pongono sulle abitudini alimentari da seguire prima e dopo la somministrazione di trattamenti come la chemio e la radioterapie e gli immunoterapici. Gli autori sono Elisabetta Sbisà (biologo molecolare), Maria Grazia Forte (chirurgo e specialista in nutrizione clinica oncologica), entrambe membri di Artoi (Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate) e Adolfo Sbisà Fondatore della Scuola di Cucina e Alimentazione Naturale – Apulian Natural Cookery School.

"Questo volume vuole essere una guida pratica per pazienti e familiari, ma anche per tutti coloro che vogliano assumere sane abitudini alimentari, un supporto sui cibi da evitare e su quelli da prediligere", spiegano gli autori.

Diversi gli alimenti che un paziente oncologico dovrebbe consumare in un regime di aggressione al cancro. Cibi come quelli sopracitati che riducono lo stato infiammatorio, a basso indice glicemico, che mantengono bassa l'insulina e riducono l'apporto di sostanze nutritive alle cellule tumorali. Utilizzando informazioni e ricette che non impongono rinunce alla buona tavola, abbinati a studi specifici, il libro si pone l’obiettivo di insegnare il valore nutrizionale degli alimenti, la loro importanza nella vita quotidiana, la ricerca dei cibi più salutari, la valutazione del prodotto biologicamente valido a Km. 0. Per affrontare i giorni no del paziente e quelli che precedono,o seguono la somministrazione delle cure.

"La nutrizione è vita. Può essere fonte di disagio fisico e mentale ma anche qualcosa di più. Si può e si deve sapere cosa significa nutrire: stimolare il nostro pensiero, la nostra capacità razionale. La nutrizione è ciò che ci rende unici e diversi come specie", spiega Massimo Bonucci, Presidente Artoi. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo