Nuovo disciplinare per Bufala Dop, presto anche frozen

La modifica del disciplinare per la mozzarella di bufala campana Dop è stata già approvata a maggio dall’Assemblea dei soci del Consorzio di tutela con il 98% dei consensi, ma le polemiche si infiammano ora in vista del voto della Regione Campania. Il punto più controverso è il via libera alla versione ‘frozen’. Tra i soci del Consorzio, che rappresenta anche gli allevatori, la novità ha incassato il consenso, ad esempio, di Coldiretti Campania, ma anche alcune contrarietà espresse dal consigliere regionale del Movimento 5 stelle e segretario della Commissione Agricoltura Michele Cammarano, nonché da Confagricoltura Caserta.

“Il frozen export nei canali professionali è solo una delle nostre proposte che – ha precisato all’ANSA il direttore del Consorzio di tutela Pier Maria Saccani – è molto strutturata e che tutela la filiera e i consumatori col divieto di acquistare materia prima latte di bufala diverso da quello certificato Dop, anche per adoperarlo in produzioni generiche. Tutela inoltre gli artigiani e i piccoli produttori e quindi il top di gamma con l’introduzione del marchio ‘Lavorato a mano’. E innova la qualità del prodotto base che deve poter raggiungere i mercati esteri anche in versione frozen. Un punto controverso per chi – sottolinea – non pensa a valorizzare la zootecnia in nome del folclore. Stiamo parlando di innovazione, come avvenne per il parmigiano in bustine o per il passaggio delle vaschette degli affettati dal sottovuoto alle vaschette in atmosfera modificata, per un prodotto che già si compra comunque refrigerato, a 4 gradi nella distribuzione moderna, e che deve poter arrivare all’estero surgelato per assicurare una qualità maggiore delle produzioni a lunga scadenza”.

Tra le novità anche l’eliminazione di ogni vincolo di peso per la Dop di cui si potranno fregiarsi trecce e la cosiddetta ”zizzona”, che pesa da 3 a 5 chili.

Per ora comunque nulla cambia per i consumatori, perché sulle innovazioni proposte dal Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala Dop esprimeranno un parere le quattro regioni dell’area di produzione: Campania, Lazio, Molise e Puglia. Poi si esprimerà il ministero delle Politiche agricole e alimentari e infine l’Unione Europea. (Fonte)

Condividi il post

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

Le strategie utilizzate per contrastare la diffusione del Covid 19…

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Le ciliegie sono uno dei regali più preziosi della primavera.…

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Alzi la mano chi non conosce qualcuno che mangia di…

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare, tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa grazie le proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963