I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Consumo di alcol e aumento rischi tumori gastro-intestinali

È quanto emerge da un’indagine condotta dalla United European Gastroenterology (UEG)

Pubblicato il 12/07/2017 da

L’eccessivo consumo di alcol mette i cittadini europei a rischio di sviluppare i tumori gastro-intestinali. È quanto emerge da un’indagine condotta dalla United European Gastroenterology (UEG), secondo cui gli abitanti dell’Unione Europea consumano in media 2 bevande alcoliche al giorno e corrono un pericolo più alto del 21% di essere colpiti dal cancro del colon-retto e da altre neoplasie dell’apparato digerente.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO – “Berrino: Che relazione c’è tra alcol e tumori?”

L’analisi evidenzia che in tutti i 28 Stati europei la media dell’introito giornaliero di alcol risulta “moderata”, ossia compresa tra 1 e 4 bevande alcoliche al giorno. La Ueg spiega che la frequenza con cui si assumono alcolici aumenta, tuttavia, il rischio di essere colpiti da carcinama colorettale e cancro esofageo. Il pericolo risulta maggiore tra i “forti consumatori”, che bevono più di 4 drink al giorno, che hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al pancreas, al fegato e allo stomaco. Gli esperti della Ueg precisano che questi tre tumori, insieme al cancro colorettale ed esofageo, rappresentano le cinque forme più comuni di tumori dell’apparato digerente al mondo, provocano quasi tre milioni di morti l’anno e contribuiscono a oltre un terzo dei decessi globali dovuti al cancro.

LEGGI ANCHE: L’alimento che previene diabete e cancro

I ricercatori hanno scoperto che in nessun paese dell’Unione Europea il consumo medio di alcol può essere considerato “leggero”, ossia inferiore a una bevanda alcolica al giorno per abitante. L’indagine ha, infatti, rilevato che il consumo di alcol in Europa è superiore a quello di qualsiasi altra zona del mondo. Lo dimostra il fatto che più di un quinto della popolazione europea di età superiore ai 15 anni consuma elevate quantità di alcolici almeno una volta a settimana. Di conseguenza, il continente soffre dalla più alta percentuale di malattie e di morti premature correlate all’alcool.

Lo studio ha anche evidenziato che, nonostante gli elevati livelli di consumo in tutta Europa, ben il 90% delle persone non è a conoscenza del legame tra alcol e cancro. Pertanto, alla luce di questi dati, gli autori affermano che combattere l’abuso di alcol dovrebbe costituire una priorità fondamentale per le autorità governative dell’Unione Europea. “Una delle principali sfide nella lotta contro l’abuso di alcol consiste nel fatto che il consumo di bevande alcoliche è profondamente radicato nella società europea, sia in termini sociali, sia in termini culturali – spiega Markus Peck, membro della Commissione Affari pubblici di UEG e Segretario Generale della European Association of the Study of the Liver (EASL) -. Occorre adottare azioni politiche (come la fissazione di un prezzo minimo e la riduzione dell’accesso agli alcolici) adesso per evitare che ci siano molte vittime in futuro. La ricerca deve continuare a reperire dati e informazioni per consentire d’implementare le future iniziative politiche”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Corsi - Prevenzione a tavola

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Corsi - Prevenzione a tavola

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro