I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Esercizio fisico, se è eccessivo l’intestino è a rischio?

Esagerare con l'attività fisica potrebbe favorire la comparsa di disturbi gastrointestinali acuti o cronici

Pubblicato il 10/07/2017 da Prevenzione a tavola

Esagerare con l'attività fisica potrebbe favorire la comparsa di disturbi gastrointestinali acuti o cronici. È la conclusione di uno studio realizzato da ricercatori provenienti da alcuni istituti australiani tra cui la Monash University e pubblicato sulla rivista scientifica Alimentary Pharmacology & Therapeutics.

La ricerca ha revisionato gli studi realizzati sull'associazione tra esercizio fisico e conseguenze a livello gastrointestinale. È emerso che un esercizio più intenso e duraturo aumenterebbe in modo proporzionale il rischio di pregiudicare la funzione gastrointestinale e di danneggiare l'intestino. In particolare le cellule dell'intestino potrebbero danneggiarsi e le sue pareti potrebbero diventare non impermeabili permettendo alle endotossine patogenetiche normalmente presenti ma isolate nell'intestino, di passare nel circolo sanguigno.

I ricercatori parlano di “sindrome gastrointestinale indotta dall'esercizio” che potrebbe portare a complicazioni croniche o acute per la salute.

Nello studio è stata individuata una soglia critica associata al rischio di insorgenza di disturbi gastrointestinali, indipendentemente dallo stato di allenamento individuale. È lo stress indotto dall'esercizio fisico della durata di almeno due ore al 60% del Massimo Consumo di Ossigeno (un parametro che misura il quantitativo massimo di ossigeno che un individuo può utilizzare durante uno sforzo fisico intenso). Correre o esercitarsi in ambienti con alte temperature sembra peggiorare inoltre i sintomi gastrointestinali.

La revisione ha visto, infine, come i pazienti con sindrome dell'intestino irritabile o malattia infiammatoria cronica intestinale potrebbero ottenere dei benefici da una forma di attività fisica a intensità bassa/moderata mentre non è stato valutato l'effetto dell'esercizio fisico intenso. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Corsi - Prevenzione a tavola

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia