I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come contrastare la sindrome del colon irritabile

FODMAP, ecco i nemici di chi soffre di colon irritabile

Pubblicato il 10/07/2017 da Prevenzione a tavola

Piccolo passo, ma significativo, nella definizione della sindrome del colon irritabile. Finora la condizione è stata difficile da inquadrare: tanto sul piano diagnostico quanto su quello terapeutico. Ma una nuova ricerca conferma quello che era più di un sospetto: riducendo il contenuto di zuccheri apportati con la dieta, a questi pazienti si può garantire una riduzione dei sintomi e un miglioramento della qualità della vita.

È UNA MALATTIA CHE SI PUO’ CURARE A TAVOLA?

La risposta giunge da una ricerca condotta da un gruppo di studio dell’Università del Michigan e presentata nel corso dell’ultima «Digestive Disease Week», appuntamento scientifico tenutosi a San Diego.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Studi di questo tipo servono a valutare il peso di un determinato fattore di rischio nei meccanismi di insorgenza di una malattia. Sotto la lente di ingrandimento sono finiti i FODMAP, con cui si definiscono degli zuccheri fermentabili - l’acronimo riassume i vocaboli inglesi: fermentabili, oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli - contenuti in diversi alimenti: i derivati del grano e della segale, il cous-cous, il latte e i prodotti caseari, alcuni tipi di frutta (mango, pera, cocomero, ciliegie, albicocche, datteri e fichi), il miele, il cioccolato, le verdure cotte a foglia larga (più di tutte cicoria e bietola), gli asparagi, i broccoli, il finocchio, i legumi, i peperoni e i funghi.

Una dieta a basso contenuto di questi alimenti - studiata anche per comprendere i meccanismi di insorgenza della sensibilità al glutine - ha svelato un effetto terapeutico incoraggiante, se seguita dai pazienti affetti dalla sindrome del colon irritabile. «Non siamo ancora pronti per sdoganare un nuovo trattamento, ma siamo quasi certi della sua efficacia - afferma la gastroenterologa Shanti Eswaran, docente di medicina interna all’Università del Michigan -. Adesso dobbiamo definire il meccanismo biochimico alla base di questa risposta e capire come mai gli stessi alimenti possano portare a reazioni notevolmente diverse a seconda delle persone che li assumono».  Continua a leggere...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo