I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Vaccini obbligatori a scuola, verso riduzione da 12 a 10

Antimeningite B-C solo 'raccomandati'. Per altri 4 verifica fra 3 anni

Pubblicato il 04/07/2017 da Prevenzione a tavola

Un minor numero di vaccinazioni obbligatorie per l'iscrizione a scuola - con la proposta di ridurle da 12 a 10 - ma anche un concetto di 'obbligatorietà' più flessibile e da riconsiderare dopo i primi tre anni della legge, oltre ad un 'alleggerimento' sul fronte delle sanzioni pecuniarie per i genitori che non vaccinino i figli e del rischio di perdita della patria potestà. Il decreto sull'obbligo vaccinale per la scuola potrebbe 'cambiare volto': va infatti in questa direzione la discussione in atto in commissione Sanità del Senato, dove oggi è stato appunto presentato un emendamento per ridurre le vaccinazioni obbligatorie. Sulla riduzione delle vaccinazioni obbligatorie si era già espressa negativamente il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, secondo la quale il decreto è stato proposto sulla base di dati scientifico-sanitari pur essendo il Parlamento sovrano e in grado di prendersi le proprie responsabilità. Il decreto sembra però avviarsi verso un 'alleggerimento'.

LEGGI ANCHE: Vaccini, la proposta: iniezioni anche in farmacia

    Oggi, infatti, è stata accolta, con un emendamento, dalla relatrice Patrizia Manassero la proposta avanzata dalla presidente della commissione Sanità, Emilia Grazie De Biasi. La proposta prevede di diminuire il numero dei vaccini previsti come obbligatori per l'iscrizione a scuola dagli attuali 12 a 10 - con l'antimeningite B e C che tornerebbero ad essere solo 'raccomandati' - e prevede anche che l'obbligatorietà possa essere rivista dopo i primi tre anni dall'entrata in vigore della legge. Un'idea, spiega De Biasi, "per rendere più flessibile il tema dell'obbligatorietà". Le vaccinazioni obbligatorie per l'iscrizione a scuola, "rispetto a quanto previsto dal decreto - spiega De Biasi - passerebbero, con l'emendamento presentato, da 12 a 10. I vaccini obbligatori restano i 6 già previsti come tali nell'esavalente, ovvero anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse e anti-Haemophilus B. A questi, si aggiungono come obbligatori l'anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella". Per queste ultime 4 vaccinazioni però, chiarisce, "l'emendamento prevede una rivalutazione dell' obbligo: si introduce cioè una verifica dopo 3 anni dall'entrata in vigore della legge per accertare il livello di copertura vaccinale raggiunto. Se ottimale, per queste vaccinazioni l'obbligatorietà può essere sospesa". Al contrario, "l'anti-meningite B e C tornano ad essere solo 'raccomandate'. Questo perchè - afferma - non siamo in una situazione epidemica che richieda l'obbligatorietà di immunizzazione". L'emendamento, "verrà messo in votazione martedì prossimo. Mi auguro - afferma - che l'intesa sia ampia e già ci sono molti consensi".

    Sono 285 gli emendamenti e 10 gli ordini del giorno presentati in Commissione e una certa convergenza si registra appunto sulla cancellazione del rischio di perdita della patria potestà e sul ridimensionamento delle sanzioni. Sempre sul fronte vaccini, una nuova sentenza - della Corte d'appello di Salerno - ha oggi ribadito che non esiste dimostrazione di un nesso causale tra vaccinazioni e autismo. E in Toscana resta alta l'allerta per la meningite: la Regione ha deciso di prolungare fino al 31 dicembre la campagna di vaccinazione per il tipo C, mentre a Prato si è registrato un nuovo caso con una 18enne colpita da meningite di tipo B. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?