I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori del colon-retto, i benefici della dieta mediterranea

Tanta frutta, presenza elevata di pesce e assenza (o quasi) di bibite analcoliche

Pubblicato il 04/07/2017 da Prevenzione a tavola

Diversi studi hanno dimostrato che seguire la dieta mediterranea protegge dallo sviluppo del cancro al colon-retto.  Ma quali sono i principali responsabili di questo effetto benefico? Tanta frutta, presenza elevata di pesce e assenza (o quasi) di bibite analcoliche. Lo hanno scoperto gli scienziati israeliani del Tel-Aviv Medical Center e dell’Università di Haifa diretti da Naomi Fliss Isakov, che spiega: “Abbiamo osservato che ognuna di queste tre scelte è stata associata a una probabilità inferiore di oltre il 30% che una persona sviluppi una lesione avanzata e pre-cancerosa del colon-retto, rispetto agli individui che non consumano nessuno dei componenti della dieta mediterranea. Tra i soggetti che seguono tutte e tre queste opzioni salutari i benefici sono ancora maggiori, tanto che il rischio si riduce di quasi l’86%”.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: L’infuso naturale che ripulisce il colon

È noto, spiegano gli autori, che i tumori del colon-retto siano associati a un’alimentazione caratterizzata da poche fibre e da un’elevata presenza di carne rossa, alcol e alimenti ipercalorici. Finora, tuttavia, non risultava chiaro quali fossero gli elementi della dieta mediterranea capaci di ridurne il rischio. Per scoprirlo, gli studiosi hanno coinvolto 808 persone di età compresa tra 40 e 70 anni, che non presentavano un rischio elevato di sviluppare il cancro al colon-retto. I partecipanti sono stati sottoposti a colonscopia e sono stati invitati a compilare un questionario relativo alle loro abitudini alimentari, che risultava suddiviso in diverse categorie. Nello specifico, le domande erano dirette a misurare il consumo quotidiano di carne rossa, alcol e bevande analcoliche, e quello dei cibi che caratterizzano la dieta mediterranea: frutta, verdura e legumi, frutta secca e semi, cereali integrali, pesce e pollame.

Al termine dell’indagine, che è stata presentata durante il convegno: “Esmo 19th World Congress on Gastrointestinal Cancer”che si è svolto dal 28 giugno al 1° luglio a Barcellona (Spagna), i ricercatori hanno scoperto che i soggetti che presentavano polipi di dimensioni maggiori nel colon-retto consumavano meno cibi tipici della dieta mediterranea: nello specifico mangiavano circa 1,9 alimenti rispetto a una media di 4,5. In particolare, è emerso che il consumo regolare di almeno due o tre elementi caratteristici di questo regime alimentare, rispetto a nessuno, era associato a una probabilità dimezzata di avere polipi in fase avanzata. In generale, gli scienziati hanno osservato che quanto più venivano rispettati i dettami della dieta mediterranea, tanto meno era presente il rischio di avere queste formazioni all’interno del colon-retto.

Gli studiosi hanno poi adattato tutti i dati a disposizione in modo da poter tenere conto anche di altri fattori di rischio. Alla fine, sono giunti alla conclusione che il modo migliore per ridurre il pericolo di sviluppare il cancro al colon-retto era combinare un elevato consumo di frutta e di pesce a un’assunzione estremamente ridotta di bevande analcoliche. Il passo successivo, concludono gli esperti, consisterà nello scoprire se la dieta mediterranea può ridurre le probabilità d’incorrere nel carcinoma colorettale anche nei soggetti ad alto rischio. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?