I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Usa, allarme ‘pillole alla placenta’ dopo infezione bebè

Finito due volte in ospedale per streptococco del gruppo B

Pubblicato il 03/07/2017 da Prevenzione a tavola

E' allarme negli Stati Uniti per la moda di mangiare la placenta umana essiccata in pillole. Un fenomeno "in crescita" fra le mamme - promosso anche da celebrity come Kim Kardashian e Alicia Silverstone - che sembra aver causato una ripetuta infezione da streptococco del gruppo B in un bebè: la vicenda, descritta sul 'Morbidity and Mortality Weekly Report' dei Centers for Disease Control and Prevention (Usa), rimbalza sulla Cnn.

Il piccolo era nato lo scorso autunno e poco dopo è stata rilevata l'infezione da streptococco B, che può causare gravi problemi nei neonati, incluse sepsi, polmonite e meningite. Normalmente, quando un bimbo tanto piccolo contrae l'infezione, questa viene trasmessa dalla mamma durante il parto. Il bebè è stato trattato e poi dimesso. Ma dopo appena 5 giorni il piccolo è stato ricoverato in un altro ospedale: i test hanno rivelato una nuova infezione da streptococco di gruppo B. E questo benché le infezioni ricorrenti siano insolite, spiega Genevieve Buser, primo autore del report e specialista in malattie infettive di Portland, fra i medici dell'équipe che ha curato il bimbo. I sanitari hanno testato il latte materno, che si è rivelato negativo. "Eravamo preoccupati, volevamo capire perché questo neonato aveva avuto due infezioni di fila", racconta Buser.

I sospetti dei medici si sono concentrati quindi sulla placenta. La mamma la stava assumendo a un ritmo di due pillole tre volte al giorno. "Quando abbiamo scoperto che la placenta era stata incapsulata, abbiamo chiesto di testare la sostanza essiccata nelle capsule: questa si è rivelata positiva per streptococco del gruppo B", spiega Buser. Quando i medici hanno inviato le capsule di placenta con due campioni prelevati al bimbo ai Cdc per i test, si è visto che i tre campioni erano identici. Questo ha portato i medici a pensare che le pillole di placenta erano probabilmente responsabili dell'infezione, anche se non possono escludere definitivamente che la trasmissione sia avvenuta attraverso un altro membro della famiglia del bebè. In questo caso inoltre, si legge sulla Cnn, non è stata identificata l'azienda che ha preparato le pillole.

Cdc ipotizzano che nella vicenda in questione la placenta non sia stata cotta a temperature sufficientemente elevate per uccidere i batteri scoperti poi nelle pillole. Il report conclude che "l'ingestione di capsule di placenta dovrebbe essere evitata", e che le mamme dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi. "Quello che possiamo dire è che vogliamo che madri e medici siano consapevoli che si tratta di un potenziale rischio di infezione", che in qualche modo potrebbe essere trasmessa al piccolo, concludono gli autori. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo