I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Usa, allarme ‘pillole alla placenta’ dopo infezione bebè

Finito due volte in ospedale per streptococco del gruppo B

Pubblicato il 03/07/2017 da Prevenzione a tavola

E' allarme negli Stati Uniti per la moda di mangiare la placenta umana essiccata in pillole. Un fenomeno "in crescita" fra le mamme - promosso anche da celebrity come Kim Kardashian e Alicia Silverstone - che sembra aver causato una ripetuta infezione da streptococco del gruppo B in un bebè: la vicenda, descritta sul 'Morbidity and Mortality Weekly Report' dei Centers for Disease Control and Prevention (Usa), rimbalza sulla Cnn.

Il piccolo era nato lo scorso autunno e poco dopo è stata rilevata l'infezione da streptococco B, che può causare gravi problemi nei neonati, incluse sepsi, polmonite e meningite. Normalmente, quando un bimbo tanto piccolo contrae l'infezione, questa viene trasmessa dalla mamma durante il parto. Il bebè è stato trattato e poi dimesso. Ma dopo appena 5 giorni il piccolo è stato ricoverato in un altro ospedale: i test hanno rivelato una nuova infezione da streptococco di gruppo B. E questo benché le infezioni ricorrenti siano insolite, spiega Genevieve Buser, primo autore del report e specialista in malattie infettive di Portland, fra i medici dell'équipe che ha curato il bimbo. I sanitari hanno testato il latte materno, che si è rivelato negativo. "Eravamo preoccupati, volevamo capire perché questo neonato aveva avuto due infezioni di fila", racconta Buser.

I sospetti dei medici si sono concentrati quindi sulla placenta. La mamma la stava assumendo a un ritmo di due pillole tre volte al giorno. "Quando abbiamo scoperto che la placenta era stata incapsulata, abbiamo chiesto di testare la sostanza essiccata nelle capsule: questa si è rivelata positiva per streptococco del gruppo B", spiega Buser. Quando i medici hanno inviato le capsule di placenta con due campioni prelevati al bimbo ai Cdc per i test, si è visto che i tre campioni erano identici. Questo ha portato i medici a pensare che le pillole di placenta erano probabilmente responsabili dell'infezione, anche se non possono escludere definitivamente che la trasmissione sia avvenuta attraverso un altro membro della famiglia del bebè. In questo caso inoltre, si legge sulla Cnn, non è stata identificata l'azienda che ha preparato le pillole.

Cdc ipotizzano che nella vicenda in questione la placenta non sia stata cotta a temperature sufficientemente elevate per uccidere i batteri scoperti poi nelle pillole. Il report conclude che "l'ingestione di capsule di placenta dovrebbe essere evitata", e che le mamme dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi. "Quello che possiamo dire è che vogliamo che madri e medici siano consapevoli che si tratta di un potenziale rischio di infezione", che in qualche modo potrebbe essere trasmessa al piccolo, concludono gli autori. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica

Bentornati asparagi, alleati della nostra salute

Con il mese di marzo possiamo salutare calorosamente i nuovi arrivati di stagione: gli asparagi!

Corsi - Prevenzione a tavola

Un panconiglio con crema di nocciola

Unaricetta buona e sana, senza zuccheri aggiunti ovviamente e con farina semintegrale

Crostata testa di moro, ma non solo e sempre cioccolato

Un'alternativa alla solita crostata al cioccolato, ma più buona e sana

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Corsi - Prevenzione a tavola

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo