I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli effetti neuroprotettivi del cacao

Il cacao e il cioccolato non farebbero bene soltanto all’umore, ma anche al cervello

Pubblicato il 03/07/2017 da Prevenzione a tavola

Il cacao e il cioccolato non farebbero bene soltanto all’umore, ma anche al cervello: potrebbero migliorare le capacità cognitive. È quanto emerge da uno studio italiano pubblicato sulla rivista Frontiers in Nutrition dai ricercatori dell’Università degli Studi dell'Aquila, secondo cui gli effetti benefici di questi alimenti sarebbero dovuti all’elevata presenza di flavanoli, una classe di composti naturali dotati di proprietà neuroprotettive.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Nutrizionista: "Come scegliere un buon cioccolato al supermercato?"

Nel corso della ricerca, gli autori hanno esaminato i risultati di numerosi studi, che avevano analizzato gli effetti dell’assunzione dei flavanoli presenti nel cacao su diversi aspetti cognitivi, nel breve e nel lungo termine. Al termine dell’indagine, è emerso che la maggior parte delle ricerche condotte sull'effetto immediato del cacao ha evidenziato un miglioramento delle prestazioni cognitive nelle ore successive al consumo dell’alimento. In particolare, gli esperimenti hanno dimostrato che dopo aver assunto i flavanoli del cacao, i partecipanti erano più bravi nello svolgimento dei test che prevedevano il coinvolgimento della memoria di lavoro e dell'elaborazione delle informazioni visive. Inoltre, una ricerca condotta su un gruppo di donne che erano rimaste sveglie tutta la notte, ha rilevato che il consumo del cioccolato è stato in grado di contrastare le disfunzioni cognitive - che si manifestavano con una minore precisione nell'esecuzione di alcuni compiti - causate dalla notte insonne. 

Gli scienziati hanno poi osservato che le indagini sugli effetti dell’assunzione dei flavanoli del cacao nel lungo termine (da 5 giorni a 3 mesi) hanno generalmente coinvolto individui anziani. In questo caso, è emerso che il consumo quotidiano di queste sostanze ha migliorato le prestazioni cognitive delle persone di una certa età, soprattutto di quelle affette da un deterioramento cognitivo lieve. In particolare, mangiare regolarmente il cioccolato ha incrementato i livelli di attenzione, la velocità di elaborazione, la memoria di lavoro e la fluidità verbale dei soggetti anziani.

“Questi risultati suggeriscono che i flavanoli del cacao potrebbero proteggere le facoltà cognitive delle fasce vulnerabili della popolazioni nel tempo, migliorando le prestazioni cognitive - affermano Valentina Socci e Michele Ferrara, che hanno guidato l’indagine -. Se si prende in considerazione il meccanismo sottostante, si scopre che i flavanoli del cacao determinano effetti benefici per la salute cardiovascolare e possono aumentare il volume del sangue presente nel giro dentato dell'ippocampo. Questa struttura viene particolarmente colpita dall'invecchiamento e, di conseguenza, dalla potenziale fonte di declino della memoria associata all'età negli esseri umani. Il cioccolato fondente è un alimento ricco di flavanoli. Pertanto noi dovremmo mangiarlo sempre. Tutti i giorni”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti