I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli effetti neuroprotettivi del cacao

Il cacao e il cioccolato non farebbero bene soltanto all’umore, ma anche al cervello

Pubblicato il 03/07/2017 da

Il cacao e il cioccolato non farebbero bene soltanto all’umore, ma anche al cervello: potrebbero migliorare le capacità cognitive. È quanto emerge da uno studio italiano pubblicato sulla rivista Frontiers in Nutrition dai ricercatori dell’Università degli Studi dell’Aquila, secondo cui gli effetti benefici di questi alimenti sarebbero dovuti all’elevata presenza di flavanoli, una classe di composti naturali dotati di proprietà neuroprotettive.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Nutrizionista: “Come scegliere un buon cioccolato al supermercato?”

Nel corso della ricerca, gli autori hanno esaminato i risultati di numerosi studi, che avevano analizzato gli effetti dell’assunzione dei flavanoli presenti nel cacao su diversi aspetti cognitivi, nel breve e nel lungo termine. Al termine dell’indagine, è emerso che la maggior parte delle ricerche condotte sull’effetto immediato del cacao ha evidenziato un miglioramento delle prestazioni cognitive nelle ore successive al consumo dell’alimento. In particolare, gli esperimenti hanno dimostrato che dopo aver assunto i flavanoli del cacao, i partecipanti erano più bravi nello svolgimento dei test che prevedevano il coinvolgimento della memoria di lavoro e dell’elaborazione delle informazioni visive. Inoltre, una ricerca condotta su un gruppo di donne che erano rimaste sveglie tutta la notte, ha rilevato che il consumo del cioccolato è stato in grado di contrastare le disfunzioni cognitive – che si manifestavano con una minore precisione nell’esecuzione di alcuni compiti – causate dalla notte insonne. 

Gli scienziati hanno poi osservato che le indagini sugli effetti dell’assunzione dei flavanoli del cacao nel lungo termine (da 5 giorni a 3 mesi) hanno generalmente coinvolto individui anziani. In questo caso, è emerso che il consumo quotidiano di queste sostanze ha migliorato le prestazioni cognitive delle persone di una certa età, soprattutto di quelle affette da un deterioramento cognitivo lieve. In particolare, mangiare regolarmente il cioccolato ha incrementato i livelli di attenzione, la velocità di elaborazione, la memoria di lavoro e la fluidità verbale dei soggetti anziani.

“Questi risultati suggeriscono che i flavanoli del cacao potrebbero proteggere le facoltà cognitive delle fasce vulnerabili della popolazioni nel tempo, migliorando le prestazioni cognitive – affermano Valentina Socci e Michele Ferrara, che hanno guidato l’indagine -. Se si prende in considerazione il meccanismo sottostante, si scopre che i flavanoli del cacao determinano effetti benefici per la salute cardiovascolare e possono aumentare il volume del sangue presente nel giro dentato dell’ippocampo. Questa struttura viene particolarmente colpita dall’invecchiamento e, di conseguenza, dalla potenziale fonte di declino della memoria associata all’età negli esseri umani. Il cioccolato fondente è un alimento ricco di flavanoli. Pertanto noi dovremmo mangiarlo sempre. Tutti i giorni”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola”.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale