I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Non solo costipazione: i benefici delle prugne

Contrastano anche pressione alta, febbre, diabete

Pubblicato il 30/06/2017 da Prevenzione a tavola

Le prugne sono rinomate per il loro benefici a livello intestinale. In molti, ad esempio, le conoscono come efficace rimedio naturale contro la costipazione. I buoni motivi per mangiarle, però, non finiscono qui. Questi frutti sono infatti utilizzati ormai da secoli nel trattamento della pressione alta, dell'ittero, della febbre, del diabete e di variproblemi di digestione.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Le prugne secche sono un rimedio anti diabete

Alla base dei loro benefici ci sarebbe la loro caratteristica composizione nutrizionale. Nel caso del trattamento della costipazione tutto dipenderebbe principalmente dallefibre (che per l'80% sono del tipo solubile) e dal sorbitolo presenti al loro interno. Il sorbitolo è infatti dotato di note proprietà lassative e le fibre contribuirebbero a velocizzare il transito intestinale del cibo, aumentare la frequenza dei movimenti intestinali e migliorare la consistenza delle feci. Le fibre renderebbero inoltre le prugne adatte all'alimentazione da seguire per combattere il diabete; queste molecole aiutano infatti ad evitare il rapido aumento della glicemia che sarebbe altrimenti promosso dall'abbondanza di zuccheri semplici che caratterizza le prugne: glucosio, fruttosio, saccarosio e lo stesso sorbitolo. Tuttavia, resta sempre importante non esagerare con il consumo di alimenti così ricchi di questi nutrienti.

Oltre alle fibre e agli zuccheri, le prugne apportano poi anche aminoacidivitamine eminerali. In particolare, questi frutti sono fonti di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina K, calcio, magnesio, zinco, rame, manganese, selenio, boro e potassio. Quest'ultimo può essere utile per proteggere la salute cardiovascolare, mentre il calcio rende le prugne un prezioso alleato contro l'osteoporosi. A questi nutrienti si aggiungono composti dall'azione antiossidante – i polifenoli – che nelle prugne sarebbero particolarmente abbondanti; fra di essi sono inclusi l'acido clorogenico, l'acido neoclorogenico, l'acido caffeico, l'acido cumarico e la rutina. Infine, nutrienti e sostanze presenti nelle prugne sembrano conferire a questi frutti anche proprietà antitumorali e protettive nei confronti del fegato e aiutare a tenere sotto controllo il livello dei grassi nel sangue.

Introdurre le prugne nella propria alimentazione quotidiana sembra quindi una buona idea. Fresche, secche o sotto forma di succo, questi frutti possono trovare facilmente spazio nella dieta di tutti i giorni, ad esempio come spuntino, oppure a colazione, come aggiunta alla classica tazza di latte e cereali. Per chi soffre di costipazione una buona scelta potrebbe essere bere una tazza di succo di prugne al mattino, per stimolare la digestione, e poi ancora tra mezz'ora e un'ora dalla fine di un pasto pesante. Le prugne sono però anche ottimi ingredienti per la cucina salata; provatele in aggiunta a un'insalata, insieme alla carne o avvolte in poco prosciutto crudo e ripassate in padella: potrebbero sorprendervi. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina

Vuoi ricevere una ricetta gratis al mese? LASCIA LA TUA MAIL QUI e preparati ad assaporare una ricetta buona e salutare!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo