I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

Molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo

Pubblicato il 26/06/2017 da Prevenzione a tavola

La morsa di Caronte non lascia tregua alla Penisola. E a rischiare di più di incappare in problemi di salute, nei giorni da 'bollino rosso', sono "bambini e anziani, che poi sono i più a rischio disidratazione". Ma anche gli sportivi "che in questi giorni non rinunciano ad allenarsi, persino nelle ore calde". Parola di Antonio Rebuzzi, professore di Cardiologia presso l'Università Cattolica di Roma e direttore della Terapia intensiva cardiologica del Policlinico Gemelli. "Non è un caso che in questi giorni molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo", spiega il cardiologo all'Adnkronos Salute. In agguato "soprattutto disidratazione, aritmie e cali di pressione che possono causare svenimenti".

LEGGI ANCHE: Come sgonfiare le gambe naturalmente

"Con l'età - ricorda Rebuzzi - si perde la sensazione di disidratazione e di sete, la pressione si abbassa a causa della vasodilatazione e le arterie meno elastiche degli anziani faticano ad 'adattarsi' e a compensare. Così più facilmente si incappa in crisi ipotensive e svenimenti. Inoltre spesso gli 'over 60' sono ipertesi e assumono farmaci per la pressione: se non si adatta la terapia al gran caldo, ecco che è ancora più alto il rischio di crisi ipotensive". Non solo. "Con queste temperature così elevate si suda molto e si perdono non solo liquidi, ma anche sali minerali come sodio e potassio: così i cardiopatici, ma non soltanto loro, rischiano di incappare in aritmie anche pericolose e in episodi di fibrillazione". Ecco perché nei giorni di canicola è bene "curare l'idratazione ma anche, specie se si suda molto, pensare a integratori di sali minerali".

Un aspetto "particolarmente importante anche per i bambini, che in genere si muovono molto e sudano di più, e per gli sportivi. Questi ultimi in genere sono più seguiti, e tendenzialmente in forma. Ma lo sforzo fisico in questi giorni comporta una gran quantità di perdita di liquidi e sali minerali. Un aspetto di cui occorre tener conto", dice Rebuzzi. "Tornando ai bambini, categoria che si disidrata facilmente, la raccomandazione è quella di tenerli al fresco, farli uscire nelle ore più miti e farli bere molto, preferibilmente acqua e tè", dice il cardiologo.

"Per tutti i pazienti che assumono farmaci, ma soprattutto per gli ipertesi, la raccomandazione è quella di misurare la pressione più spesso del solito e di parlare con il medico per capire se è il caso di adattare la terapia", conclude Rebuzzi. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande