Caldo, l’allarme del cardiologo: “Rischio svenimenti e aritmie”

La morsa di Caronte non lascia tregua alla Penisola. E a rischiare di più di incappare in problemi di salute, nei giorni da ‘bollino rosso‘, sono “bambini e anziani, che poi sono i più a rischio disidratazione“. Ma anche gli sportivi “che in questi giorni non rinunciano ad allenarsi, persino nelle ore calde”. Parola di Antonio Rebuzzi, professore di Cardiologia presso l’Università Cattolica di Roma e direttore della Terapia intensiva cardiologica del Policlinico Gemelli. “Non è un caso che in questi giorni molti anziani finiscano in pronto soccorso per malori legati al gran caldo“, spiega il cardiologo all’Adnkronos Salute. In agguato “soprattutto disidratazione, aritmie e cali di pressione che possono causare svenimenti”.

LEGGI ANCHE: Come sgonfiare le gambe naturalmente

“Con l’età – ricorda Rebuzzi – si perde la sensazione di disidratazione e di sete, la pressione si abbassa a causa della vasodilatazione e le arterie meno elastiche degli anziani faticano ad ‘adattarsi’ e a compensare. Così più facilmente si incappa in crisi ipotensive e svenimenti. Inoltre spesso gli ‘over 60’ sono ipertesi e assumono farmaci per la pressione: se non si adatta la terapia al gran caldo, ecco che è ancora più alto il rischio di crisi ipotensive”. Non solo. “Con queste temperature così elevate si suda molto e si perdono non solo liquidi, ma anche sali minerali come sodio e potassio: così i cardiopatici, ma non soltanto loro, rischiano di incappare in aritmie anche pericolose e in episodi di fibrillazione“. Ecco perché nei giorni di canicola è bene “curare l’idratazione ma anche, specie se si suda molto, pensare a integratori di sali minerali“.

Un aspetto “particolarmente importante anche per i bambini, che in genere si muovono molto e sudano di più, e per gli sportivi. Questi ultimi in genere sono più seguiti, e tendenzialmente in forma. Ma lo sforzo fisico in questi giorni comporta una gran quantità di perdita di liquidi e sali minerali. Un aspetto di cui occorre tener conto”, dice Rebuzzi. “Tornando ai bambini, categoria che si disidrata facilmente, la raccomandazione è quella di tenerli al fresco, farli uscire nelle ore più miti e farli bere molto, preferibilmente acqua e tè“, dice il cardiologo.

“Per tutti i pazienti che assumono farmaci, ma soprattutto per gli ipertesi, la raccomandazione è quella di misurare la pressione più spesso del solito e di parlare con il medico per capire se è il caso di adattare la terapia”, conclude Rebuzzi. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola”.

banner basso postfucina

Condividi il post

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

I nostri corsi
sono validati da:

© Prevenzione a tavola - Partita Iva: 02739610992 - REA: 507759