I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Pubblicato il 23/06/2017 da Prevenzione a tavola

Grazie a diagnosi precoci e trattamenti sempre più efficaci sono oltre 118 mila e 760 i pazienti in Italia colpiti da tumore al rene in vita. Le possibilità di sopravvivenza a 5 anni superano ormai il 70%. Sono i dati che AIMaC, l'Associazione italiana Malati di Cancro, e FAVO, la Federazione italiana delle Associazioni di volontariato in oncologia, hanno diffuso in occasione della Prima Giornata Mondiale contro il Tumore del Rene, il 22 giugno.

L'iniziativa prevede la mobilitazione delle associazioni dei pazienti colpiti da tumore per promuovere una maggiore consapevolezza sulla neoplasia renale e per raccogliere fondi. AIMaC e FAVO hanno aderito in Italia alla giornata mondiale.

Il tumore del rene colpisce in prevalenza il sesso maschile: tra gli uomini – si legge nei Numeri del Cancro in Italia 2016 – il rischio è pari a 1 su 40 mentre fra le donne di 1 su 91. La fascia di età più colpita, sempre nel sesso maschile, è quella fino a 49 anni: in questa categoria la neoplasia renale rappresenta il 5% di tutti i tumori.

La maggior parte dei tumori al rene è rappresentata dai carcinomi del parenchima renale, ovvero il tessuto specifico del rene. Tra i suoi fattori di rischio modificabili il principale è il fumo di sigaretta: circa 4 casi su 10 nel sesso maschile sono attribuibili a questa dipendenza. Sovrappeso, obesità e ipertensione rientrano tra i fattori di rischio, mentre sulla relazione con l’alto numero di gravidanze a termine, l’alto peso alla nascita, il diabete  mellito, il basso consumo di frutta e verdura, sono state prodotte meno evidenze o i dati a supporto devono essere confermate da altri studi.

Anche l’esposizione sul luogo di lavoro all’arsenico e ad altre sostante chimiche cancerogene è stata infine associata a un aumento del rischio. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'