I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Pubblicato il 23/06/2017 da Prevenzione a tavola

Grazie a diagnosi precoci e trattamenti sempre più efficaci sono oltre 118 mila e 760 i pazienti in Italia colpiti da tumore al rene in vita. Le possibilità di sopravvivenza a 5 anni superano ormai il 70%. Sono i dati che AIMaC, l'Associazione italiana Malati di Cancro, e FAVO, la Federazione italiana delle Associazioni di volontariato in oncologia, hanno diffuso in occasione della Prima Giornata Mondiale contro il Tumore del Rene, il 22 giugno.

L'iniziativa prevede la mobilitazione delle associazioni dei pazienti colpiti da tumore per promuovere una maggiore consapevolezza sulla neoplasia renale e per raccogliere fondi. AIMaC e FAVO hanno aderito in Italia alla giornata mondiale.

Il tumore del rene colpisce in prevalenza il sesso maschile: tra gli uomini – si legge nei Numeri del Cancro in Italia 2016 – il rischio è pari a 1 su 40 mentre fra le donne di 1 su 91. La fascia di età più colpita, sempre nel sesso maschile, è quella fino a 49 anni: in questa categoria la neoplasia renale rappresenta il 5% di tutti i tumori.

La maggior parte dei tumori al rene è rappresentata dai carcinomi del parenchima renale, ovvero il tessuto specifico del rene. Tra i suoi fattori di rischio modificabili il principale è il fumo di sigaretta: circa 4 casi su 10 nel sesso maschile sono attribuibili a questa dipendenza. Sovrappeso, obesità e ipertensione rientrano tra i fattori di rischio, mentre sulla relazione con l’alto numero di gravidanze a termine, l’alto peso alla nascita, il diabete  mellito, il basso consumo di frutta e verdura, sono state prodotte meno evidenze o i dati a supporto devono essere confermate da altri studi.

Anche l’esposizione sul luogo di lavoro all’arsenico e ad altre sostante chimiche cancerogene è stata infine associata a un aumento del rischio. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina