I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumore al rene, in Italia 120 mila persone vive dopo la diagnosi

Pubblicato il 23/06/2017 da Prevenzione a tavola

Grazie a diagnosi precoci e trattamenti sempre più efficaci sono oltre 118 mila e 760 i pazienti in Italia colpiti da tumore al rene in vita. Le possibilità di sopravvivenza a 5 anni superano ormai il 70%. Sono i dati che AIMaC, l'Associazione italiana Malati di Cancro, e FAVO, la Federazione italiana delle Associazioni di volontariato in oncologia, hanno diffuso in occasione della Prima Giornata Mondiale contro il Tumore del Rene, il 22 giugno.

L'iniziativa prevede la mobilitazione delle associazioni dei pazienti colpiti da tumore per promuovere una maggiore consapevolezza sulla neoplasia renale e per raccogliere fondi. AIMaC e FAVO hanno aderito in Italia alla giornata mondiale.

Il tumore del rene colpisce in prevalenza il sesso maschile: tra gli uomini – si legge nei Numeri del Cancro in Italia 2016 – il rischio è pari a 1 su 40 mentre fra le donne di 1 su 91. La fascia di età più colpita, sempre nel sesso maschile, è quella fino a 49 anni: in questa categoria la neoplasia renale rappresenta il 5% di tutti i tumori.

La maggior parte dei tumori al rene è rappresentata dai carcinomi del parenchima renale, ovvero il tessuto specifico del rene. Tra i suoi fattori di rischio modificabili il principale è il fumo di sigaretta: circa 4 casi su 10 nel sesso maschile sono attribuibili a questa dipendenza. Sovrappeso, obesità e ipertensione rientrano tra i fattori di rischio, mentre sulla relazione con l’alto numero di gravidanze a termine, l’alto peso alla nascita, il diabete  mellito, il basso consumo di frutta e verdura, sono state prodotte meno evidenze o i dati a supporto devono essere confermate da altri studi.

Anche l’esposizione sul luogo di lavoro all’arsenico e ad altre sostante chimiche cancerogene è stata infine associata a un aumento del rischio. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?