I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Nemmeno i cinesi consideravano latte quello di soia

Il latte di soia non può più chiamarsi “latte”, ma tornando indietro alle sue origini, nemmeno i cinesi lo consideravano tale

Pubblicato il 19/06/2017 da Susanna Bramante

Ebbene, la Corte di Giustizia Europea ha deciso: non sarà più possibile il “richiamo” su etichette, confezioni o pubblicità alla parola “latte” di bevande o altre specialità a base di soia, facendo finalmente chiarezza su cosa realmente i consumatori portano sulle loro tavole. Il problema del richiamo dei prodotti di origine vegetale a quelli di origine animale è purtroppo molto attuale, coinvolgendo anche la carne (Meat Sounding), per la quale la battaglia è ancora aperta.

 LEGGI ANCHE Corte Ue, per la soia non si usi parola latte

Ma se torniamo indietro alle origini del “latte” di soia, vediamo che anche i cinesi non lo consideravano affatto un latte.

Il nome originale era doujiang, che significa letteralmente «siero di soia», menzionato per la prima volta in Cina nell’anno 82 d.C.. Si trattava di una bevanda tradizionale cinese, derivata dalla parte liquida rimanente dalla preparazione del tofu, anche se i primi viaggiatori in Cina, che citano il tofu di frequente, non fanno mai riferimento al “latte” di soia o al suo utilizzo come bevanda, non fino alla metà del XX secolo almeno.

Il metodo tradizionale cinese per produrre il “latte” di soia è quello di metterne in ammollo i semi per tutta la notte, così da ammorbidirli, per poi schiacciarli fino a ottenerne una purea, che verrà mescolata ad acqua fredda e successivamente filtrata con un panno in un colino di bambù. Il residuo solido insolubile rimanente (okara) subisce diversi lavaggi in acqua fredda e pressature a pietra, per poter estrarre bene tutto il latte che, prima di essere servito, viene bollito per 20 minuti.

Si ipotizza però che il termine doujiang si riferisse ad una minestra di purea di soia, piuttosto che a un latte filtrato: l’evidenza di questa ipotesi si ha nel fatto che il modo più tradizionale di servire il “latte” di soia è nella forma di una zuppa calda piccante, di solito consumata a colazione, insieme a del pesce, come tonno e gamberetti. I cinesi non lo hanno mai utilizzato come sostituto del latte, nemmeno come bevanda per bambini.

In Asia orientale in realtà non era diffusa nemmeno l’usanza di produrre e bere il latte di origine animale, nonostante l’abbondanza di vacche, bufale e capre, per vari motivi, primo fra tutti perché non ne amavano il sapore, troppo intenso e troppo «di animale».

La vera espansione del “latte” di soia come bevanda in Cina si è avuta solo di recente, a partire dagli anni ’50 dello scorso secolo. Quindi il mito per cui “in Cina bevono latte di soia da millenni”, attribuendogli proprietà miracolose che in realtà non possiede, può essere definitivamente sfatato.

Estratto da libro “La soia: fa bene o fa male?” Edizioni l’Età dell’Acquario.

Segui il blog di Susanna Bramante  



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Corsi - Prevenzione a tavola

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina