I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il ruolo della vitamina A nel diabete

La vitamina A potrebbe essere coinvolta nello sviluppo del diabete

Pubblicato il 16/06/2017 da Prevenzione a tavola

La vitamina A potrebbe essere coinvolta nello sviluppo del diabete: sarebbe, infatti, capace d'incrementare la capacità delle cellule beta pancreatiche di produrre l'insulina. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Endocrine Journal dai ricercatori del King’s College London (Regno Unito), dell'Università di Lund (Svezia) e dell'Università di Göteborg (Svezia), secondo cui la vitamina A svolgerebbe un ruolo essenziale nello sviluppo delle cellule beta durante le prime fasi della vita e influenzerebbe il loro corretto funzionamento in età adulta.

Nel corso della ricerca il team britannico-svedese, coordinato da Albert Salehi, ha mappato 220 differenti recettori presenti sulla superficie della cellule beta pancreatiche, le cui caratteristiche non sono ancora pienamente conosciute. L'indagine ha permesso d'identificare un recettore della vitamina A. “Non esistono recettori superficiali non necessari nelle cellule umane - spiega il dottor Salehi -. Tutti hanno uno scopo che, in molti casi, risulta ancora sconosciuto, motivo per cui vengono chiamati 'recettori orfani'. Quando abbiamo scoperto che sulla superficie delle cellule che producono l'insulina è presente un recettore della vitamina A, abbiamo pensato che fosse importante scoprire perché ci fosse e quale fosse il suo scopo”

Successivamente, il gruppo di ricerca ha analizzato il ruolo svolto dalla vitamina A nello sviluppo del diabete, utilizzando le cellule beta prelevate da alcuni topi affetti da diabete di tipo 2 e da un gruppo di roditori non diabetici. Durante l'esperimento, gli autori hanno bloccato parzialmente il recettore della vitamina A nella superficie delle cellule beta degli animali sani. Inoltre, hanno stimolato con lo zucchero la loro capacità di secernere l'insulina. Al termine, hanno scoperto che la funzione delle cellule era stata compromessa, tanto che la produzione dell'insulina era inferiore di quasi il 30%. Dopo aver confrontato queste cellule con quelle dei topi diabetici, hanno osservato che apparivano molto simili.

I ricercatori hanno anche scoperto che la resistenza delle cellule beta alle infiammazioni diminuisce in assenza di vitamina A. In caso di carenza completa, queste cellule finiscono per morire. Gli scienziati spiegano che l'incapacità delle cellule beta di sopravvivere e l'impossibilità di secernere correttamente l'insulina rappresentano le principali le cause dello sviluppo del diabete di tipo 2. Pertanto, ritengono che la vitamina A potrebbe svolgere un ruolo essenziale nell'insorgenza della malattia. Inoltre, pensano che la scoperta potrebbe aiutare a comprendere meglio anche alcuni tipi di diabete di tipo 1, in cui le cellule beta non si sviluppano a sufficienza durante le prime fasi della vita.

“Negli esperimenti sugli animali è stato osservato che i topi appena nati hanno bisogno della vitamina A per sviluppare le cellule beta in modo normale – conclude Albert Salehi -. Molto probabilmente, lo stesso vale anche per gli esseri umani. Pertanto, i bambini dovrebbero assorbire una quantità sufficiente di vitamina A attraverso la dieta”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti