I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il ruolo della vitamina A nel diabete

La vitamina A potrebbe essere coinvolta nello sviluppo del diabete

Pubblicato il 16/06/2017 da

La vitamina A potrebbe essere coinvolta nello sviluppo del diabete: sarebbe, infatti, capace d’incrementare la capacità delle cellule beta pancreatiche di produrre l’insulina. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Endocrine Journal dai ricercatori del King’s College London (Regno Unito), dell’Università di Lund (Svezia) e dell’Università di Göteborg (Svezia), secondo cui la vitamina A svolgerebbe un ruolo essenziale nello sviluppo delle cellule beta durante le prime fasi della vita e influenzerebbe il loro corretto funzionamento in età adulta.

Nel corso della ricerca il team britannico-svedese, coordinato da Albert Salehi, ha mappato 220 differenti recettori presenti sulla superficie della cellule beta pancreatiche, le cui caratteristiche non sono ancora pienamente conosciute. L’indagine ha permesso d’identificare un recettore della vitamina A. “Non esistono recettori superficiali non necessari nelle cellule umane – spiega il dottor Salehi -. Tutti hanno uno scopo che, in molti casi, risulta ancora sconosciuto, motivo per cui vengono chiamati ‘recettori orfani’. Quando abbiamo scoperto che sulla superficie delle cellule che producono l’insulina è presente un recettore della vitamina A, abbiamo pensato che fosse importante scoprire perché ci fosse e quale fosse il suo scopo”

Successivamente, il gruppo di ricerca ha analizzato il ruolo svolto dalla vitamina A nello sviluppo del diabete, utilizzando le cellule beta prelevate da alcuni topi affetti da diabete di tipo 2 e da un gruppo di roditori non diabetici. Durante l’esperimento, gli autori hanno bloccato parzialmente il recettore della vitamina A nella superficie delle cellule beta degli animali sani. Inoltre, hanno stimolato con lo zucchero la loro capacità di secernere l’insulina. Al termine, hanno scoperto che la funzione delle cellule era stata compromessa, tanto che la produzione dell’insulina era inferiore di quasi il 30%. Dopo aver confrontato queste cellule con quelle dei topi diabetici, hanno osservato che apparivano molto simili.

I ricercatori hanno anche scoperto che la resistenza delle cellule beta alle infiammazioni diminuisce in assenza di vitamina A. In caso di carenza completa, queste cellule finiscono per morire. Gli scienziati spiegano che l’incapacità delle cellule beta di sopravvivere e l’impossibilità di secernere correttamente l’insulina rappresentano le principali le cause dello sviluppo del diabete di tipo 2. Pertanto, ritengono che la vitamina A potrebbe svolgere un ruolo essenziale nell’insorgenza della malattia. Inoltre, pensano che la scoperta potrebbe aiutare a comprendere meglio anche alcuni tipi di diabete di tipo 1, in cui le cellule beta non si sviluppano a sufficienza durante le prime fasi della vita.

“Negli esperimenti sugli animali è stato osservato che i topi appena nati hanno bisogno della vitamina A per sviluppare le cellule beta in modo normale – conclude Albert Salehi -. Molto probabilmente, lo stesso vale anche per gli esseri umani. Pertanto, i bambini dovrebbero assorbire una quantità sufficiente di vitamina A attraverso la dieta”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale