I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Nessuna associazione tra consumo salumi e tumore al colon

Studio dell'epidemiologo Carlo La Vecchia Universita' di Milano)

Pubblicato il 15/06/2017 da Prevenzione a tavola

"Non emerge un' associazione tra gli attuali consumi di salumi della popolazione generale italiana e il tumore al colon-retto". E' questo il risultato di uno studio condotto dall'Universita' di Milano, pubblicato su Nutrition and Cancer e presentato per la prima volta oggi in occasione del congresso Spazio Nutrizione, nell'ambito dell'ultima giornata di Tuttofood, la biennale dell'alimentazione alla Fiera di Milano. Lo studio dimostra inoltre che non emergono rilevanti differenze di associazione tra chi consuma una quantita' giornaliera di salumi piu' bassa (circa 15 g) e chi ne ha un consumo giornaliero superiore ai 25 grammi rispetto al rischio di sviluppare un tumore al colon retto.

La ricerca, partendo dall'evidenza che tra le principali cause di cancro, dopo il tabacco e l'alcol, figurano obesita' e sovrappeso, cosi' come fattori dietetici quali un'assunzione eccessiva e protratta nel tempo di alcuni alimenti e che la Dieta Mediterranea, proprio rispetto al rischio di tumori, e' considerata un modello favorevole per eccellenza, si e' posta la domanda di come configurare in quest'ottica il consumo di carni e salumi, posti sotto attenzione dalla recente classificazione IARC.

Lo studio multicentrico condotto in Italia sul tema, ha analizzato 3 studi-caso controllo, tutti italiani, condotti dal 1985 al 2010 su oltre 10.000 soggetti (3.745 casi e 6.804 controlli) per verificare l'associazione tra consumo quotidiano di salumi e il rischio di cancro del colon-retto.

"I salumi italiani - e' stato sottolineato da uno degli autori della ricerca, Carlo La Vecchia, professore Ordinario di Statistica Medica ed Epidemiologia dell'Universita' degli Studi di Milano e membro del Comitato Scientifico di IFMeD, International Foundation of Mediterranean Diet. - hanno una qualita' e dei valori nutrizionali molto diversi dai prodotti del Nord Europa o America. Ma c'e' un altro aspetto estremamente rilevante e cioe' che i consumi italiani sono molto piu' limitati: 2-3 porzioni di salumi a settimana (considerando porzioni da 50g) non comporta quindi alcun rischio apprezzabile a livello di salute pubblica". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina