I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Nessuna associazione tra consumo salumi e tumore al colon

Studio dell'epidemiologo Carlo La Vecchia Universita' di Milano)

Pubblicato il 15/06/2017 da Prevenzione a tavola

"Non emerge un' associazione tra gli attuali consumi di salumi della popolazione generale italiana e il tumore al colon-retto". E' questo il risultato di uno studio condotto dall'Universita' di Milano, pubblicato su Nutrition and Cancer e presentato per la prima volta oggi in occasione del congresso Spazio Nutrizione, nell'ambito dell'ultima giornata di Tuttofood, la biennale dell'alimentazione alla Fiera di Milano. Lo studio dimostra inoltre che non emergono rilevanti differenze di associazione tra chi consuma una quantita' giornaliera di salumi piu' bassa (circa 15 g) e chi ne ha un consumo giornaliero superiore ai 25 grammi rispetto al rischio di sviluppare un tumore al colon retto.

La ricerca, partendo dall'evidenza che tra le principali cause di cancro, dopo il tabacco e l'alcol, figurano obesita' e sovrappeso, cosi' come fattori dietetici quali un'assunzione eccessiva e protratta nel tempo di alcuni alimenti e che la Dieta Mediterranea, proprio rispetto al rischio di tumori, e' considerata un modello favorevole per eccellenza, si e' posta la domanda di come configurare in quest'ottica il consumo di carni e salumi, posti sotto attenzione dalla recente classificazione IARC.

Lo studio multicentrico condotto in Italia sul tema, ha analizzato 3 studi-caso controllo, tutti italiani, condotti dal 1985 al 2010 su oltre 10.000 soggetti (3.745 casi e 6.804 controlli) per verificare l'associazione tra consumo quotidiano di salumi e il rischio di cancro del colon-retto.

"I salumi italiani - e' stato sottolineato da uno degli autori della ricerca, Carlo La Vecchia, professore Ordinario di Statistica Medica ed Epidemiologia dell'Universita' degli Studi di Milano e membro del Comitato Scientifico di IFMeD, International Foundation of Mediterranean Diet. - hanno una qualita' e dei valori nutrizionali molto diversi dai prodotti del Nord Europa o America. Ma c'e' un altro aspetto estremamente rilevante e cioe' che i consumi italiani sono molto piu' limitati: 2-3 porzioni di salumi a settimana (considerando porzioni da 50g) non comporta quindi alcun rischio apprezzabile a livello di salute pubblica". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande