I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Farmaco anticancro possibile cura contro la distrofia muscolare

Migliora la funzione muscolare sia in modelli cellulari che sui topi

Pubblicato il 15/06/2017 da Prevenzione a tavola

Un farmaco originariamente destinato al trattamento della leucemia potrebbe avere nuova vita come trattamento per la Distrofia muscolare di Duchenne, malattia causata da un gene difettoso che porta a debolezza muscolare progressiva. La scoperta fatta dall'Università del Nevada e dalla Reno School of Medicine (UNR Med), è stata pubblicata su Molecular Therapy.

La distrofia muscolare non ha alcuna cura nota ed è dovuta alla mancanza di distrofina, una proteina che aiuta a mantenere intatte le cellule dei muscoli. Di solito inizia nell'infanzia portando presto alla morte, in genere intorno ai 25 anni, per problemi cardiaci o respiratori. In precedenti ricerche gli autori dello studio avevano dimostrato, su topi, che aumentare i livelli di una proteina, l'integrin α7β1, nelle cellule muscolari interessate potrebbe alleviare i sintomi della malattia. Hanno quindi studiato più di 350.000 composti per trovare molecole che potessero aumentare la produzione di integrin α7β1. Fino a individuare SU9516, precedentemente sviluppato come trattamento per la leucemia. In una serie di esperimenti preclinici, è stato dimostrato che SU9516 ha aumentato la produzione di integrin α7β1 in cellule coltivate in laboratorio e su modelli animali, stimolando la riparazione muscolare, migliorandone funzione e struttura, rallentando gli indicatori di progressione della malattia. Il team prevede ora di eliminare dalla molecola i componenti antitumorali tossici, con l'obiettivo di testarla su pazienti.(ANSA).



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero