I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trovato nel cervello il circuito dell’insonnia, un gruppo di neuroni finora poco studiati

Si aprono nuove strade per le terapie dei disturbi del sonno

Pubblicato il 12/06/2017 da Prevenzione a tavola

Trovato nel cervello il 'circuito' dell'insonnia: è un gruppo di neuroni finora poco studiati. Averlo scoperto apre la strada a future terapie contro i disturbi del sonno, tra cui anche quelli associati alla malattie neuropsichiatriche, come depressione e schizofrenia. Lo descrivono sulla rivista Neuron i ricercatori del Caltech, guidati da Viviana Gradinaru.

L'obiettivo dello studio era capire come si fa a superare il naturale bisogno di dormire, quando non lo si può fare. Così i ricercatori hanno iniziato a studiare l'area del cervello in cui si trova un gruppo dei neuroni della dopamina, detti neuroni dorsali del rafe. "Le persone che hanno danneggiata questa parte del cervello si mostrano eccessivamente sonnolente di giorno. Ma finora non si era capito bene il ruolo esatto di questi neuroni nel ciclo del sonno e della veglia, e se reagivano a stimoli interni o esterni", precisa la ricercatrice. Con il suo gruppo ha iniziato a studiarli nei topi, misurandone l'attività in risposta ad alcuni stimoli, come per l'arrivo di un possibile partner con cui accoppiarsi, del cibo o una sensazione spiacevole improvvisa. "Quando abbiamo misurato l'attività di questi neuroni nel ciclo di sonno e veglia, abbiamo visto che calava se l'animale dormiva, e aumentava mentre era sveglio", aggiunge Ryan Cho, primo autore dello studio. "Volevamo capire scoprire se l'attività di questi neuroni provoca dei cambiamenti negli stati di sonno e veglia", continua. Così hanno stimolato i neuroni con la luce mentre l'animale dormiva, e visto che si svegliava rimanendo sveglio. L'opposto accadeva quando l'attività dei neuroni veniva spenta: l'animale si addormentava, anche se stimolato dall'odore di un partner o un predatore. Il che ha dimostrato quanto questi neuroni siano importanti per sonno e nella veglia. "Neuroni simili ci sono anche nell'uomo e la loro degenerazione è stata collegata alla sonnolenza eccessiva diurna nei pazienti con malattie neurodegenerative", conclude Gradinaru. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero