Consumi passate di pomodoro in ripresa dopo 10 anni, +1,7%

Dopo 10 anni si è interrotto il trend negativo delle vendite al dettaglio di passate e concentrati di pomodoro, segnando nei primi mesi del 2017 una crescita dell’1,7% in volume e dell’1,1% in valore. E’ quanto emerge dal monitoraggio Ismea-Nielsen, che conferma la leadership dell’Italia primo esportatore mondiale sia di polpe e pelati (77% del valore mondiale davanti alla Spagna con il 6%), sia di passate e concentrati (26% seguita a stretto giro dalla Cina con il 25%).

Guarda in alto il video: Succo di pomodoro: diminuire appetito e perdere peso

Con un giro di affari stimato nel 2016 di 3,2 miliardi, l’Ismea sottolinea le ottime in particolare per sughi pronti e pomodorini, che crescono in valore rispettivamente del 6,9% e dell’8% nel periodo gennaio-aprile 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016 (6,5% e 5,3% in volume). L’Italia continua comunque a importare rilevanti quantità di passate e sopratutto concentrati; è il secondo importatore mondiale dopo la Germania, con un valore assoluto di 154 milioni di euro nel 2016, il 54,4% in più rispetto al dato di cinque anni prima. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola”.

banner basso postfucina

Condividi il post

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

I nostri corsi
sono validati da:

© Prevenzione a tavola - Partita Iva: 02739610992 - REA: 507759