Le malattie renali uccidono ogni anno un milione di persone nel mondo

Le malattie renali croniche riguardano almeno un adulto su dieci. Eppure l’attenzione che viene posta nei loro confronti è «scadente» a tutti i livelli: nei Paesi occidentali come in quelli in via di sviluppo. È desolante lo scenario che emerge dall’atlante della salute del rene, discusso nel corso dell’ultimo congresso mondiale di nefrologia a Città del Messico e pubblicato sul «Journal of the American Medical Association». Dal dossier – la più completa mappa mondiale delle malattie renali – emergono le notevoli lacune che esistono nel trattamento delle malattie renali: sia in termini di prevenzione sia di cura. Uno scenario diffuso a tutte le latitudini, che si ripercuote sulla salute dei cittadini e sulle casse dei singoli Stati.

La mappa mondiale dell’insufficienza renale cronica

Spiega Adeera Levin, docente di medicina interna all’Università della British Columbia (Vancouver) e presidente della Società Internazionale di Nefrologia: «Le malattie renali croniche, nelle fasi iniziali, possono essere trattate con la dieta, la correzione dello stile di vita e, tutt’al più, l’assunzione di un antipertensivo. Una diagnosi di insufficienza renale cronica non implica automaticamente il ricorso alla dialisi o al trapianto. Ma per evitare questo scenario, occorre aumentare i tassi di diagnosi precoce della malattia. Questo al momento non sta avvenendo e le ripercussioni sono evidenti».

LEGGI ANCHE: Tumore rene killer silenzioso, colpite 12.600 persone l’anno

Tra i Paesi ad alto reddito, l’Arabia Saudita e il Belgio fanno registrare la prevalenza più elevata di insufficienza renale cronica (24%), seguita dalla Polonia (18%), dalla Germania (17%), dal Regno Unito e da Singapore (16%), dal Canada e dall’Australia (13%). Quelle più basse, invece, sono state riscontrate in Norvegia e nei Paesi Bassi (5%). Nel mondo, complessivamente, sarebbero un milione le persone che perdono la vita ogni anno per un’insufficienza renale non trattata. Se negli Stati occidentali è la sedentarietà il principale fattore di rischio, nelle realtà emergenti rimane ancora scarso l’accesso ai controlli e ai farmaci. Continua a leggere…

Condividi il post

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Oggi lo chef Francesco ci regala una ricetta squisita, una…

Come preparare una deliziosa vellutata di carote e patate

Durante le serate invernali, si cercano piatti che siano semplici…

Ricetta del Pane all’Uva passa

Visto che in tanti durante questa quarantena vi state cimentando…

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963