I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allattare per 9 mesi riduce dell’11% il rischio di cancro all’utero

Studio australiano condotto su 26.000 donne

Pubblicato il 01/06/2017 da Prevenzione a tavola

Allattare al seno un figlio per almeno 9 mesi riduce dell'11% il rischio di ricevere una diagnosi di cancro dell'utero. Ad aggiungere consistenti prove sui benefici antitumorali dell'allattamento è uno studio pubblicato sulla rivista "Obstetrics and Gynecology". Il cancro all'utero, o carcinoma dell'endometrio, rappresenta il 4% di tutte le diagnosi di tumore ed è al sesto posto tra quelli più diagnosticati alle donne, con 7.700 nuovi casi all'anno in Italia (dati Airc). Numerosi studi hanno identificato un legame tra allattamento e diminuzione del rischio di cancro al seno, ma la relazione con il cancro uterino non era ancora evidente.

Ricercatori del Qimr Berghofer Medical Research Institute di Brisbane, in Australia, hanno esaminato dati di 26.000 mamme con almeno un figlio, tra cui quasi 9.000 donne con tumore dell'utero. Coloro che avevano allattato da 3 a 6 mesi, presentavano una diminuzione del rischio del 7 per cento per bambino rispetto alle donne che non avevano allattato. E se avevano allattato da 6 a 9 mesi, il loro rischio diminuiva dell'11 per cento per ogni bimbo. In altre parole, "una donna che ha allattato due figli per 9 mesi ognuno, ha un rischio di circa il 22 per cento inferiore", commenta l'autrice principale, Susan Jordan. È plausibile ciò sia dovuto al fatto che allattare sopprime l'ovulazione, riducendo i livelli di estrogeni, ormoni che giocano un ruolo nella neoplasia. "L'allattamento - conclude - non garantisce che una donna non sviluppi cancro dell'utero, ma può contribuire a ridurne l'incidenza". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia