I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Con poco sonno, il cervello “mangia” se stesso

La carenza cronica di sonno potrebbe indurre il cervello a “mangiare” se stesso

Pubblicato il 31/05/2017 da

La carenza cronica di sonno potrebbe indurre il cervello a “mangiare” se stesso. Quando si trascorrono troppe notti in bianco, infatti, le cellule incaricate di fare pulizia tra le sinapsi e di eliminare gli scarti cellulari tendono a diventare iperattive e a divorare anche i tessuti sani. Si tratta di un meccanismo diretto a proteggere le connessioni neuronali, perché diretto a eliminare i detriti potenzialmente dannosi e aripristinare i circuiti neurologici danneggiati dalla mancanza di riposo. Tuttavia, a lungo andare potrebbe aumentare il rischio di sviluppare l’Alzheimer o altri disturbi neurologici. Lo ha scoperto un team di scienziati italiani che svolgono l’attività di ricerca presso l’Università Politecnica delle Marche di Ancona o l’Università del Wisconsin di Madison (Usa).

Nel corso dell’indagine, pubblicata sulla rivista Journal of Neuroscience, gli autori hanno analizzato gli effetti della carenza di sonno sul cervello di tre gruppi di topi: i primi (gruppo di controllo) sono stati lasciati liberi di dormire quando volevano, i secondi sono stati mantenuti svegli per 8 ore, mentre i terzi non hanno potuto riposare per 5 giorni. Gli scienziati hanno esaminato, in particolare, il comportamento delle cellule gliali di tutti i roditori, ossia delle cellule incaricate di ripulire il cervello. Precedenti ricerche avevano, infatti, rilevato che un gene che ne regola l’attivazione risulta più “operoso” dopo un periodo di carenza di sonno.

Il team, diretto da Michele Bellesi, si è concentrato sull’attività degli astrociti, che tagliano le sinapsi inutili e rimodellano le connessioni tra i neuroni, e delle cellule microgliali, che eliminano le cellule neuronali danneggiate e i loro detriti. Al termine dell’esperimento, ha scoperto che nel cervello dei topi che potevano dormire a loro piacimento, gli astrociti erano attivi in circa il 6% delle sinapsi. Invece, nell’encefalo dei roditori che erano stati costretti a restare svegli per 8 ore, gli astrociti risultavano attivi in circa l’8%. Infine, nel cervello degli animali che non dormivano da 5 giorni – una condizione equivalente alla deprivazione cronica di sonno -, l’attività degli astrociti era presente nel 13,5% delle sinapsi.

Secondo gli studiosi, la scoperta suggerisce che la perdita del sonno potrebbe indurre gli astrociti a eliminare un numero maggiore di sinapsi. Questo fenomeno potrebbe, a loro avviso, essere positivo: l’attività degli astrociti riguarderebbe, infatti, le connessioni neuronali più mature e più utilizzate, e consentirebbe di proteggere quelle sane. “Abbiamo dimostrato per la prima volta che alcune sezioni delle sinapsi sono letteralmente ‘mangiate’ dagli astrociti a causa della carenza cronica di sonno – spiega il dottor Bellesi -. Questi circuiti sono come vecchi pezzi d’arredamento, per cui probabilmente hanno bisogno di maggiore attenzione e pulizia”.

Tuttavia, l’indagine ha evidenziato che anche le cellule della microglia erano più attive nei topi affetti da carenza cronica di sonno – circa il doppio rispetto a quanto avveniva nel cervello dei roditori del gruppo di controllo. Questa scoperta, secondo gli scienziati, è più preoccupante, perché un’attivazione eccessiva delle cellule microgliali risulta associata a una serie di disturbi cerebrali. “Sappiamo che l’attivazione prolungata delle cellule della microglia – spiega Michele Bellesi -, è stata osservata in presenza dell’Alzheimer e di altre forme di neurodegenerazione”.

Gli autori concludono che non è ancora chiaro se dormire più a lungo possa proteggere il cervello o salvarlo dagli effetti di qualche notte insonne. Il passo successivo, spiegano, consisterà nell’indagare quanto tempo durano gli effetti della privazione del sonno. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia