I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Antidolorifici e infarto, studio rilancia possibile legame

Già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi

Pubblicato il 31/05/2017 da Prevenzione a tavola

Le persone che assumono comuni farmaci antidolorifici della famiglia degli antinfiammatori non steroidei (Fans) potrebbero avere un maggior rischio di infarto, già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi. A rilanciare l'allarme è uno studio canadese pubblicato su 'Bmj', che torna ad accendere i riflettori su medicinali fra i più diffusi. Noti principi attivi come ibuprofene, diclofenac, naprossene, celecoxib, rofecoxib. Complessivamente, fra i pazienti in terapia è emerso un aumento della probabilità di attacco di cuore compreso fra il 20% e il 50%, rispetto a chi non è in trattamento.

Gli autori tengono a evidenziare i limiti della ricerca, una metanalisi che ha analizzato i risultati di più lavori per un totale di quasi 450 mila persone, di cui circa 61.500 hanno avuto un evento cardiaco. In particolare, gli scienziati spiegano che si tratta di uno studio osservazionale e che non sono stati presi in considerazione tutti i fattori potenzialmente in grado di influenzare il rischio cardiaco. Ma pur puntualizzando che non si può parlare di rapporto causa-effetto tra assunzione di antidolorifici e pericoli per il cuore, invitano a futuri approfondimenti ed esortano medici e pazienti a soppesare adeguatamente rischi e benefici dei Fans. La loro conclusione, infatti, è che con una probabilità superiore al 90% tutti i Fans oggetto dell'analisi sono associati a un incremento del pericolo di attacchi cardiaci.

"Poiché l'insorgenza del rischio di infarto miocardico acuto si è verificata nella prima settimana ed è apparsa maggiore nel primo mese di trattamento con alte dosi - raccomandano i ricercatori - i medici dovrebbero valutare rischi e benefici dei Fans prima di prescrivere un trattamento, in particolare per le dosi più elevate". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti