I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Antidolorifici e infarto, studio rilancia possibile legame

Già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi

Pubblicato il 31/05/2017 da Prevenzione a tavola

Le persone che assumono comuni farmaci antidolorifici della famiglia degli antinfiammatori non steroidei (Fans) potrebbero avere un maggior rischio di infarto, già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi. A rilanciare l'allarme è uno studio canadese pubblicato su 'Bmj', che torna ad accendere i riflettori su medicinali fra i più diffusi. Noti principi attivi come ibuprofene, diclofenac, naprossene, celecoxib, rofecoxib. Complessivamente, fra i pazienti in terapia è emerso un aumento della probabilità di attacco di cuore compreso fra il 20% e il 50%, rispetto a chi non è in trattamento.

Gli autori tengono a evidenziare i limiti della ricerca, una metanalisi che ha analizzato i risultati di più lavori per un totale di quasi 450 mila persone, di cui circa 61.500 hanno avuto un evento cardiaco. In particolare, gli scienziati spiegano che si tratta di uno studio osservazionale e che non sono stati presi in considerazione tutti i fattori potenzialmente in grado di influenzare il rischio cardiaco. Ma pur puntualizzando che non si può parlare di rapporto causa-effetto tra assunzione di antidolorifici e pericoli per il cuore, invitano a futuri approfondimenti ed esortano medici e pazienti a soppesare adeguatamente rischi e benefici dei Fans. La loro conclusione, infatti, è che con una probabilità superiore al 90% tutti i Fans oggetto dell'analisi sono associati a un incremento del pericolo di attacchi cardiaci.

"Poiché l'insorgenza del rischio di infarto miocardico acuto si è verificata nella prima settimana ed è apparsa maggiore nel primo mese di trattamento con alte dosi - raccomandano i ricercatori - i medici dovrebbero valutare rischi e benefici dei Fans prima di prescrivere un trattamento, in particolare per le dosi più elevate". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo