I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Antidolorifici e infarto, studio rilancia possibile legame

Già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi

Pubblicato il 31/05/2017 da Prevenzione a tavola

Le persone che assumono comuni farmaci antidolorifici della famiglia degli antinfiammatori non steroidei (Fans) potrebbero avere un maggior rischio di infarto, già nella prima settimana di terapia e soprattutto nel primo mese di trattamento con alte dosi. A rilanciare l'allarme è uno studio canadese pubblicato su 'Bmj', che torna ad accendere i riflettori su medicinali fra i più diffusi. Noti principi attivi come ibuprofene, diclofenac, naprossene, celecoxib, rofecoxib. Complessivamente, fra i pazienti in terapia è emerso un aumento della probabilità di attacco di cuore compreso fra il 20% e il 50%, rispetto a chi non è in trattamento.

Gli autori tengono a evidenziare i limiti della ricerca, una metanalisi che ha analizzato i risultati di più lavori per un totale di quasi 450 mila persone, di cui circa 61.500 hanno avuto un evento cardiaco. In particolare, gli scienziati spiegano che si tratta di uno studio osservazionale e che non sono stati presi in considerazione tutti i fattori potenzialmente in grado di influenzare il rischio cardiaco. Ma pur puntualizzando che non si può parlare di rapporto causa-effetto tra assunzione di antidolorifici e pericoli per il cuore, invitano a futuri approfondimenti ed esortano medici e pazienti a soppesare adeguatamente rischi e benefici dei Fans. La loro conclusione, infatti, è che con una probabilità superiore al 90% tutti i Fans oggetto dell'analisi sono associati a un incremento del pericolo di attacchi cardiaci.

"Poiché l'insorgenza del rischio di infarto miocardico acuto si è verificata nella prima settimana ed è apparsa maggiore nel primo mese di trattamento con alte dosi - raccomandano i ricercatori - i medici dovrebbero valutare rischi e benefici dei Fans prima di prescrivere un trattamento, in particolare per le dosi più elevate". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute