I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La soia fa bene o fa male?

Siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea?

Pubblicato il 29/05/2017 da Andrea Bertaglio

La soia. Fa bene o fa male? E soprattutto, ne avevate mai sentito parlare fino a pochi anni fa, come alimento per l’uomo? Io no. Eppure oggi non c’è supermercato che non ne sia in gran parte “colonizzato”. La soia, entrata prepotentemente a far parte della nostra alimentazione, è addirittura utilizzata in prodotti sostitutivi della carne, del latte e dei formaggi, e trova consensi crescenti non solo tra i vegetariani e i vegani, che di questi stessi prodotti-imitazione non sembrano poter fare a meno, ma anche tra chi vuole seguire una dieta “salutare”. O presunta tale.

Per soddisfare le richieste di questa fascia crescente di consumatori, hanno avuto un’impennata vertiginosa i “nuovi” e sofisticati prodotti a base di soia, dal colore e sapore camuffati e dalle caratteristiche organolettiche alterate, per poter imitare il più possibile gli alimenti che vanno a sostituire e imposti da aggressive strategie di marketing. Il tutto facendo leva sul fatto che la soia fa parte da millenni dell’alimentazione tradizionale dei popoli orientali, tra i più longevi al mondo e con minor rischio di patologie diffuse invece tra gli insani occidentali.

Ma siamo sicuri che sia così e che la soia sia davvero una panacea? Le sue proprietà sono oggi molto dibattute, soprattutto in relazione al largo ricorso alla chimica e alle tecnologie moderne impiegate per estrarne le proteine, che aggirano i lunghi procedimenti tradizionali con cui è stata da sempre preparata secondo la cultura orientale. La soia è davvero un alimento straordinario, o è un legume pericoloso introdotto oggi in modi e quantità sbagliati nella nostra dieta?

A farsi questa domanda, cercando di chiarire un po’ le idee di consumatori sempre più frastornati da un’informazione basata più sul marketing che sulle evidenze scientifiche ci ha pensato Susanna Bramante, agronomo, divulgatrice scientifica e PhD in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo. Che, con il suo primo libro, “La soia: fa bene o fa male?” (Edizioni L’Età Acquario), riporta sui binari della razionalità un tema non ancora seriamente trattato nel nostro Paese. Con un merito su tutti: quello di smitizzare finalmente delle proprietà che la soia comunque non ha.

Il libro di Susanna Bramante è uno studio completo sulle origini storiche e culturali della produzione di soia in Oriente, e passando attraverso la sua evoluzione e le sue caratteristiche fa luce sui diversi aspetti di un alimento che dobbiamo sicuramente imparare a consumare correttamente, anche per non rischiare pericolose conseguenze. In pratica, attraverso una rigorosa e approfondita analisi di studi scientifici e in base ai più recenti risultati della ricerca tradotti in un linguaggio semplice, la soia viene illustrata per quello che realmente è.

Attenzione alle mode, quindi. Possiamo anche concederci di seguirle, se vogliamo sperimentare di tanto in tanto qualcosa di nuovo anche in cucina. Ma attenzione a pensare di potere sostituire dall’oggi al domani senza conseguenze alimenti di cui ci nutriamo da millenni. Se paghiamo un prodotto surrogato tre volte più del suo originale, non significa necessariamente che sia meglio per la nostra salute.



banner basso postfucina





Andrea Bertaglio

Andrea Bertaglio
Giornalista

Scrivo per vari quotidiani e riviste, principalmente di temi ambientali e sociali. Con il mio ultimo libro, “Medicina ribelle. Prima la salute, poi il profitto”, mi sono avventurato anche nel campo della salute e del business che le sta dietro. Laureato in sociologia, partecipo spesso come relatore a convegni e conferenze su sostenibilità, ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Corsi - Prevenzione a tavola

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Corsi - Prevenzione a tavola

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso

Lo straordinario ortaggio che sembra un pomodoro ma non lo è

Rosso, rotondo e dalle molte proprietà salutari, viene coltivato in Basilicata