I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Obesità adolescenziale, rischi per il fegato nel futuro

Risultati di una ricerca del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund

Pubblicato il 29/05/2017 da Prevenzione a tavola

Gli adolescenti e i giovani uomini obesi hanno maggiori probabilità di essere colpiti, in futuro, da malattie epatiche. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Gut dai ricercatori svedesi del Karolinska Institutet di Stoccolma e dell'Università di Lund, secondo cui il benessere del fegato sarebbe messo in pericolo soprattutto dalla compresenza di un forte sovrappeso e del diabete di tipo 2.

Nel corso della ricerca, gli autori hanno analizzato le condizioni sanitarie di oltre 1,2 milioni di uomini svedesi. Per riuscirci, hanno esaminato i dati raccolti durante le visite mediche per il servizio militare effettuate tra il 1969 e il 1996, e le informazioni contenute nei registri sulla salute della popolazione. Questo ha permesso loro di monitorare lo stato di salute dei partecipanti dall'anno successivo all'arruolamento fino al 31 dicembre 2012.

L'analisi ha evidenziato che nel periodo di osservazione 5.281 uomini hanno sviluppato una malattia epatica grave. Fra questi, 251 sono stati colpiti da cancro al fegato. Dal confronto di tutti i dati a disposizione, i ricercatori hanno potuto dedurre che un indice di massa corporea (Imc) elevato in giovane età, aumenta le probabilità di essere colpiti da patologie al fegato da adulti o da anziani.

Nello specifico, gli studiosi hanno osservato che gli uomini che da giovani erano in sovrappeso avevano quasi la metà di probabilità in più di sviluppare malattie epatiche in età avanzata, rispetto ai loro coetanei normopeso. I soggetti che da teenagers erano obesi, invece, correvano un rischio oltre due volte maggiore.

L'indagine ha rilevato che il pericolo di soffrire di patologie al fegato cresce anche tra i diabetici. Per cui, la compresenza delle due malattie rappresenta un ulteriore fattore di rischio. È, infatti, emerso che gli uomini che oltre a essere obesi soffrivano di diabete di tipo 2, avevano probabilità più di tre volte maggiori di sviluppare malattie epatiche rispetto alle persone di peso normale che non erano diabetiche.

“La scoperta potrebbe influenzare le politiche sanitarie, perché evidenzia la necessità di attuare interventi mirati contro il sovrappeso e l'obesità in età precoce e sottolinea, in particolare, il pericolo rappresentato dal diabete di tipo 2 come fattore di rischio per le malattie del fegato – scrivono gli autori -. Lo screening degli uomini con diabete mellito tipo 2 per la presenza di malattie epatiche potrebbe essere effettuato attraverso il ricorso a sistemi di punteggio a basso costo e non invasivi. Gli interventi per ridurre la crescente diffusione di sovrappeso e obesità dovrebbero essere attuati fin dalla più tenera età per ridurre il futuro carico di malattia epatiche gravi per gli individui e per la società”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'