I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Le ciliegie elisir per sportivi e contro le patologie infiammatorie

Ricche in polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie

Pubblicato il 23/05/2017 da Prevenzione a tavola

Rosse, golose e soprattutto una miniera di antiossidanti e sostanze preziose. Sono le ciliegie, tanto ricche dal punto di vista alimentare da appartenere al gruppo dei cosiddetti 'functional foods', ossia i cibi funzionali. Parola di Marina Putzolu, biologa-nutrizionista collaboratrice dello Studio Abr (www.alimentiesicurezza.it), che ricorda all'AdnKronos Salute come questo frutto di stagione sia "una buona fonte di potassio, calcio, fosforo, rame, vitamina A e vitamina C".

LEGGI ANCHE: Le ciliege non fanno ingrassare

Non solo. Le ciliegie sono ricche "in polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie. Queste non sono distribuite uniformemente nel frutto - precisa l'esperta - ma sono concentrate nella buccia e ciò è dovuto alla loro funzione foto-protettiva. E' bene scegliere dunque ciliegie molto scure, in quanto contengono una concentrazione più elevata di queste sostanze. La loro supplementazione, anche sotto forma di succhi, è molto studiata ultimamente - dice la biologa - per i suoi risvolti nel campo della salute umana. In particolare, la presenza di antiossidanti garantisce sia la riduzione dello stress ossidativo cellulare sia un'azione antinfiammatoria, e pertanto sono utili per coloro che soffrono di patologie infiammatorie croniche, come quelle intestinali attualmente molto diffuse".

Il consumo di ciliegie è consigliato anche per gli sportivi, evidenzia Putzolu, "in quanto garantiscono un recupero muscolare rapido ed efficace dopo l'esercizio fisico, proprio in virtù della loro proprietà in grado di ridurre l'infiammazione legata all'ntenso sforzo del muscolo, andando ad agire sulla riduzione di stress ossidativo e dolore, e migliorando così il recupero della funzione muscolare. Infatti, "è proprio durante l'attività fisica intensa, e quindi in seguito allo stress meccanico, che si innesca una cascata di eventi che conducono alla diminuzione della forza a causa di veri e propri danni muscolari e successiva infiammazione".

"Nelle ore e nei giorni successivi all'attività fisica - prosegue l'esperta - il dolore muscolare aumenta, con un picco a 24-48 ore, mentre viene decisamente ridotto se associato all'assunzione di ciliegie o del loro succo. E' pertanto consigliato il consumo di ciliegie sia nel pre sia nel post-workout. Purtroppo questo frutto si deteriora molto facilmente, perciò quando si acquistano le ciliegie - raccomanda la biologa - bisogna cercare di scegliere quelle che non presentano ammaccature e che non siano prive di picciolo. E bisogna conservarle con cura in frigorifero (+4°C)". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo