I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sembra mal di schiena ma non lo è, 18.000 italiani colpiti

Per Spondilite anchilosante spesso diagnosi arriva dopo anni

Pubblicato il 19/05/2017 da Prevenzione a tavola

Sembra un banale mal di schiena. Si pensa per anni a posture scorrette e sforzi fisici a carico della colonna vertebrale, invece si scopre che si tratta di Spondilite anchilosante (Sa). Malattia poco conosciuta ma per la quale è necessaria una diagnosi precoce. Lo afferma Ilaria D'Emilia, reumatologa dell'Istituto Neurotraumatologico Italiano dove è responsabile del Centro Antares per Farmaci Biologici.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: configgere la cervicale con una pallina

"La Spondilite Anchilosante è una patologia infiammatoria cronica immuno-mediata. Nel gruppo delle malattie reumatiche infiammatorie, la Sa è la diagnosi più comune dopo l'Artrite Reumatoide. La sua prevalenza varia dallo 0,01 al 0,5%, con un'incidenza 3 volte maggiore nel sesso maschile e la sua massima incidenza è in età giovane-adulta, in genere prima dei 45 anni - spiega l'esperta -. In un'alta percentuale dei casi, la diagnosi resta misconosciuta per alcuni anni". La ragione di questo ritardo nella diagnosi, chiarisce D'Emilia, "sta nel fatto che il sintomo di esordio della malattia è spesso una lombalgia persistente. Solo dopo un'attenta valutazione, da parte di uno specialista, è possibile sospettare la natura infiammatoria di tale lombalgia ed arrivare ad una diagnosi più precoce". Oltre al mal di schiena, gradualmente, giungono altri sintomi che rendono inequivocabile la diagnosi: postura scorretta durante i movimenti, difficoltà nel flettersi, fino a sviluppare persino una difficoltà nella respirazione, per coinvolgimento della muscolatura respiratoria. In quel momento purtroppo, i danni causati dalla malattia non sono reversibili.

Ovviamente, il ritardo nella diagnosi si riflette su un ritardo nel trattamento farmacologico; viceversa la diagnosi precoce, spiega, "dato il ricco armamentario farmacologico di cui oggi disponiamo, costituisce la condizione fondamentale per arrestarne l'evoluzione. Negli ultimi anni, l'utilizzo delle tecniche raffinate di imaging, in particolare della Risonanza Magnetica, ha contribuito a diagnosticare la Spondilite Anchilosante nelle fasi precoci di malattia, ancor prima che vi sia la positività radiografica. Ciò ha permesso di identificare pazienti con a cui offrire l'opportunità di un trattamento precoce". Quanto ai farmaci, l''introduzione, negli ultimi 20 anni, dei Farmaci Biotecnologici ha cambiato radicalmente la storia di questa patologia. E "ancor più recentemente - rileva D'Emilia - la terapia si è arricchita di nuove molecole inibitorie coinvolte nella patogenesi della malattia. Oggi, siamo sempre più vicini all'obiettivo di identificare il paziente affetto da Spondilite Infiammatoria in fase molto precoce di malattia, anche pre-radiografica, e di trattarlo con molecole sempre più specifiche, con lo scopo di ritardare, o meglio, di evitare - afferma la reumatologa - l'evoluzione verso la fase 'anchilosante'". Notevole importanza riveste anche la terapia fisica: una rieducazione posturale globale, fatta da terapisti esperti, per mobilizzare la colonna bloccata, associata a ginnastica respiratoria per contrastare la tendenza ad una forma costrittiva di insufficienza respiratoria. Sono inoltre indicati tutti gli sport che coinvolgono il movimento della colonna e non causano un aumento del dolore, primo fra tutti il nuoto. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo