I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il diabete aumenta il rischio di morte in chi ha insufficienza cardiaca

I pazienti inoltre sono soggetti a un numero più alto di ricoveri

Pubblicato il 15/05/2017 da Prevenzione a tavola

Nei pazienti con insufficienza cardiaca, il diabete aumenta il rischio di mortalità per tutte le cause, oltre a quella cardiovascolare. Inoltre sono soggetti a più ricoveri per scompenso cardiaco rispetto ai pazienti con insufficienza cardiaca non diabetici. E' quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Care, che ha analizzato i dati di circa 9.500 pazienti con insufficienza cardiaca cronica iscritti nel registro della Società Europea di Cardiologia. In particolare nella ricerca, cui hanno contribuito studiosi dell'università di Verona, si è visto che nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica la prevalenza di diabete è molto elevata, pari al 36.5%, cioè oltre 1 paziente su 3. I pazienti sono stati seguiti per un anno, e in questo periodo si è registrata una mortalità complessiva pari all'8%, mentre l'11% è stato ricoverato per scompenso cardiaco.

LEGGI ANCHE: Diabete malattia metropolitana: situazione preoccupante a Roma

Quelli con insufficienza cardiaca cronica e diabete hanno mostrato tassi di mortalità totale (9,4% contro 7,2%), mortalità per cause cardiovascolari (4,8% contro 3,8%) e ospedalizzazione per scompenso cardiaco (13,8% contro 9,3%) maggiori di quelli osservati nei pazienti non diabetici, indipendentemente dall'eventuale coesistenza di altri fattori di rischio cardiovascolare. Lo studio ha anche documentato che un peggior grado di compenso glicemico del diabete è associato ad un maggiore rischio di mortalità. Il diabete quindi riduce la sopravvivenza dei pazienti con insufficienza cardiaca cronica e chi ne soffre deve essere quindi considerato ad alto rischio cardiovascolare. Per una migliore terapia, secondo le linee guida della Società Europea di Cardiologia, sarebbe opportuna una gestione integrata del paziente tra cardiologo, diabetologo e medico di famiglia, oltre ad una diagnosi tempestiva di diabete nei pazienti con insufficienza cardiaca. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina