I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allarme istamina sul tonno: 40 intossicati. Ritirato dai mercati: “Buttatelo”

L'allarme ai consumatori del Ministero della Sanità spagnolo: tonno con livelli eccessivi di istamina

Pubblicato il 12/05/2017 da Pippo

C'è paura adesso in Spagna e in Italia per il ritiro del tonno dai supermercati.

Le autorità sanitarie della penisola Iberica, infatti, hanno disposto che alcuni lotti dell'azienda andalusa Garciden siano ritirati dal commercio. Problema relegato alla Spagna? Assolutamente no, perché alcuni di quei lotti sono stati venduti anche in Germania, Italia e Portogallo.

Negli ultimi giorni, infatti, sono stati registrati oltre 40 casi di intossicazione, secondo quanto riporta il Messaggero, causati proprio dal prodotto della Garciden. Ovviamente dal ministero spagnolo sono arrivati immediatamente i consigli ai consumatori: il dicastero della Sanità ha invitato tutti quelli che hanno comprato tonno fresco tra il 25 aprile e il 5 maggio per capire se è di quello prodotto dalla società andalusa e verificare se - come previsto - contiene una dose eccessivamente alta di istamina. Il tonno venduto nel periodo su cui si stanno concentrando le ricerche, spiega l'Autorità della sicurezza alimentare spagnola (Aecosan), non deve essere assolutamente utilizzato. Potrebbe infatti essere pericoloso cucinarlo: nonostante le alte temperature, infatti, il pesce risulterebbe comunque inquinato, visto che la istamina "resiste a tutti i processi termici". In caso di intossicazione, comunque, non bisogna preoccuparsi: si potrebbero verificare irritazione alla gola e alla pelle, sudore, nausea, vomito o cefalee. Tutte e 40 le persone che hanno mangiato il tonno della società andalusa non hanno avuto bisogno di essere ricoverate. Ma il ministero della Salute ha preferito comunque avvertire i consumatori per evitare ulteriori problemi e di provocare un caso di intossicazioni internazionali, con consumatori che potrebbero essere coinvolti in quattro paesi dell'Unione Europea. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle