I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allarme istamina sul tonno: 40 intossicati. Ritirato dai mercati: “Buttatelo”

L'allarme ai consumatori del Ministero della Sanità spagnolo: tonno con livelli eccessivi di istamina

Pubblicato il 12/05/2017 da Pippo

C'è paura adesso in Spagna e in Italia per il ritiro del tonno dai supermercati.

Le autorità sanitarie della penisola Iberica, infatti, hanno disposto che alcuni lotti dell'azienda andalusa Garciden siano ritirati dal commercio. Problema relegato alla Spagna? Assolutamente no, perché alcuni di quei lotti sono stati venduti anche in Germania, Italia e Portogallo.

Negli ultimi giorni, infatti, sono stati registrati oltre 40 casi di intossicazione, secondo quanto riporta il Messaggero, causati proprio dal prodotto della Garciden. Ovviamente dal ministero spagnolo sono arrivati immediatamente i consigli ai consumatori: il dicastero della Sanità ha invitato tutti quelli che hanno comprato tonno fresco tra il 25 aprile e il 5 maggio per capire se è di quello prodotto dalla società andalusa e verificare se - come previsto - contiene una dose eccessivamente alta di istamina. Il tonno venduto nel periodo su cui si stanno concentrando le ricerche, spiega l'Autorità della sicurezza alimentare spagnola (Aecosan), non deve essere assolutamente utilizzato. Potrebbe infatti essere pericoloso cucinarlo: nonostante le alte temperature, infatti, il pesce risulterebbe comunque inquinato, visto che la istamina "resiste a tutti i processi termici". In caso di intossicazione, comunque, non bisogna preoccuparsi: si potrebbero verificare irritazione alla gola e alla pelle, sudore, nausea, vomito o cefalee. Tutte e 40 le persone che hanno mangiato il tonno della società andalusa non hanno avuto bisogno di essere ricoverate. Ma il ministero della Salute ha preferito comunque avvertire i consumatori per evitare ulteriori problemi e di provocare un caso di intossicazioni internazionali, con consumatori che potrebbero essere coinvolti in quattro paesi dell'Unione Europea. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'