I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’uso off label del chinino per i crampi aumenta rischio di morte

Lo rivela uno studio francese

Pubblicato il 10/05/2017 da Prevenzione a tavola

L'uso prolungato di chinino off-label, ancora prescritto in caso di crampi muscolari nonostante gli avvisi della Food and Drug Administration americana sui possibili effetti avversi, è associato a un aumento del rischio di morte secondo uno studio francese pubblicato su 'Jama'. Pur ammettendo i limiti del lavoro, Laurence Fardet e colleghi dell'università Paris Est Creteil mettono in guardia sui pericoli di dosi di principio attivo superiori a 100 milligrammi al giorno. L'equivalente, per esempio, del consumo quotidiano di più di un litro di bevande che contengono chinino.

I ricercatori hanno utilizzato dati ricavati da un database britannico, considerando come 'gruppo esposto' pazienti adulti che dal gennaio 1990 al dicembre 2014 hanno ricevuto nuove prescrizioni di sali di chinino a un dosaggio medio di almeno 100 mg/die, per il trattamento di crampi muscolari idiopatici - cioè non riconducibili a una causa specifica - o della cosiddetta sindrome delle gambe senza riposo.

Lo studio ha riguardato oltre 175mila persone, con un follow-up mediano di 5,7 anni. Nel gruppo esposto sono state registrate 11.598 morti (4,2 per 100 anni-persona), in quello non esposto 26.753 (3,2 per 100 anni-persona). L'aumento del rischio di morte è risultato circa 3 volte superiore negli under 50, e maggiore con un'esposizione a dosi di chinino più alte di 200 mg/die. "I benefici del chinino nella riduzione dei crampi dovrebbero essere bilanciati contro i rischi", scrivono gli autori. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia