I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’uso off label del chinino per i crampi aumenta rischio di morte

Lo rivela uno studio francese

Pubblicato il 10/05/2017 da Prevenzione a tavola

L'uso prolungato di chinino off-label, ancora prescritto in caso di crampi muscolari nonostante gli avvisi della Food and Drug Administration americana sui possibili effetti avversi, è associato a un aumento del rischio di morte secondo uno studio francese pubblicato su 'Jama'. Pur ammettendo i limiti del lavoro, Laurence Fardet e colleghi dell'università Paris Est Creteil mettono in guardia sui pericoli di dosi di principio attivo superiori a 100 milligrammi al giorno. L'equivalente, per esempio, del consumo quotidiano di più di un litro di bevande che contengono chinino.

I ricercatori hanno utilizzato dati ricavati da un database britannico, considerando come 'gruppo esposto' pazienti adulti che dal gennaio 1990 al dicembre 2014 hanno ricevuto nuove prescrizioni di sali di chinino a un dosaggio medio di almeno 100 mg/die, per il trattamento di crampi muscolari idiopatici - cioè non riconducibili a una causa specifica - o della cosiddetta sindrome delle gambe senza riposo.

Lo studio ha riguardato oltre 175mila persone, con un follow-up mediano di 5,7 anni. Nel gruppo esposto sono state registrate 11.598 morti (4,2 per 100 anni-persona), in quello non esposto 26.753 (3,2 per 100 anni-persona). L'aumento del rischio di morte è risultato circa 3 volte superiore negli under 50, e maggiore con un'esposizione a dosi di chinino più alte di 200 mg/die. "I benefici del chinino nella riduzione dei crampi dovrebbero essere bilanciati contro i rischi", scrivono gli autori. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero