I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’uso off label del chinino per i crampi aumenta rischio di morte

Lo rivela uno studio francese

Pubblicato il 10/05/2017 da Prevenzione a tavola

L'uso prolungato di chinino off-label, ancora prescritto in caso di crampi muscolari nonostante gli avvisi della Food and Drug Administration americana sui possibili effetti avversi, è associato a un aumento del rischio di morte secondo uno studio francese pubblicato su 'Jama'. Pur ammettendo i limiti del lavoro, Laurence Fardet e colleghi dell'università Paris Est Creteil mettono in guardia sui pericoli di dosi di principio attivo superiori a 100 milligrammi al giorno. L'equivalente, per esempio, del consumo quotidiano di più di un litro di bevande che contengono chinino.

I ricercatori hanno utilizzato dati ricavati da un database britannico, considerando come 'gruppo esposto' pazienti adulti che dal gennaio 1990 al dicembre 2014 hanno ricevuto nuove prescrizioni di sali di chinino a un dosaggio medio di almeno 100 mg/die, per il trattamento di crampi muscolari idiopatici - cioè non riconducibili a una causa specifica - o della cosiddetta sindrome delle gambe senza riposo.

Lo studio ha riguardato oltre 175mila persone, con un follow-up mediano di 5,7 anni. Nel gruppo esposto sono state registrate 11.598 morti (4,2 per 100 anni-persona), in quello non esposto 26.753 (3,2 per 100 anni-persona). L'aumento del rischio di morte è risultato circa 3 volte superiore negli under 50, e maggiore con un'esposizione a dosi di chinino più alte di 200 mg/die. "I benefici del chinino nella riduzione dei crampi dovrebbero essere bilanciati contro i rischi", scrivono gli autori. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina