I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Agire sugli aminoacidi per combattere i tumori: così crescono meno

L'efficacia della chemio e della radioterapia potrebbe essere aumentata grazie a una dieta priva di due aminoacidi

Pubblicato il 09/05/2017 da

Un gruppo di ricercatori del Cancer Research UK Beatson Institute e dell’Università di Glasgow (Regno Unito) ha scoperto che l’efficacia della chemio e della radioterapia potrebbe essere aumentata grazie a una dieta priva di due aminoacidi non essenziali per le cellule sane (la serina e la glicina) di cui le cellule tumorali hanno invece molto più bisogno.

Leggi anche: Aspirina, a basse dosi è un’arma contro il tumore al seno?

I risultati dei loro studi – condotti sui topi e pubblicati sulla rivista Nature – dovranno essere confermati attraverso studi clinici mirati a verificare la fattibilità e la sicurezza di un approccio di questo tipo quando utilizzato come coadiuvante nelle terapie contro i tumori.

Lo studio ha dimostrato che un’alimentazione priva di serina e di glicina rende le cellule tumorali più sensibili alle specie reattive dell’ossigeno, molecole prodotte sia durante la chemioterapia sia durante la radioterapia. “Le nostre scoperte – spiega Oliver Maddocks, primo nome dello studio – suggeriscono che in futuro per alcuni pazienti oncologici la limitazione del consumo di specifici aminoacidi attraverso un programma alimentare controllato potrebbe essere una parte in più del trattamento che aiuti a rendere più efficaci altre terapie”. Fra i tumori contro cui un approccio di questo tipo potrebbe risultare utile sono inclusi i linfomi e le neoplasie intestinali. Purtroppo, invece, nei casi in cui il cancro è associato all’attivazione del gene Kras le cellule tumorali riescono a produrre serina e glicina; per questo nel caso di altri tumori – come molti di quelli che colpiscono il pancreas – questo approccio potrebbe essere meno efficace. “Dovremo capire quali pazienti potrebbero trarne più benefici”, spiega quindi Emma Smith, esperta di Cancer Reserach UK. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia