I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Infiammazioni intestinali, gli effetti benefici del peperoncino

Il peperoncino potrebbe essere in grado di “spegnere” le infiammazioni intestinali

Pubblicato il 08/05/2017 da Pippo

Il peperoncino potrebbe essere in grado di “spegnere” le infiammazioni intestinali. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Pnas dai ricercatori della University of Connecticut School of Medicine di Farmington (Usa), secondo cui la scoperta potrebbe favorire lo sviluppo di nuovi trattamenti per diabete, colite e disturbi dell’apparato intestinale.

Leggi anche: Come depurare il colon dalle tossine

Gli scienziati hanno nutrito con il peperoncino due gruppi di topi: uno era composto da esemplari sani, mentre l’altro da roditori affetti da diabete di tipo 1. Al termine dell’esperimento, hanno osservato che tutti gli animali presentavano meno infiammazioni intestinali rispetto all’inizio e che le condizioni di quelli diabetici erano migliorate. Per comprendere l’origine di questi risultati, gli esperti hanno esaminato ciò che accadeva a livello molecolare: hanno così scoperto che la capsaicina contenuta nel peperoncino è in grado di legarsi a un recettore chiamato Trpv1, che si trova nelle cellule specializzate di tutto l’apparato gastrointestinale. Nel momento in cui questo avviene, il recettore stimola le cellule a produrre anandamide, un composto chimico simile ai cannabinoidi presenti nella marijuana. Secondo gli studiosi, questa molecola sarebbe capace d’indurre il sistema immunitario a calmarsi e a spegnere l’infiammazione.

Nello specifico, i ricercatori hanno osservato che l’anandamide richiama nell’intestino i macrofagi - un tipo di cellule immunitarie incaricate di contrastare l’infiammazione -, che a loro volta diventano più attivi quando i livelli di anandamide aumentano. Di conseguenza, l’effetto antinfiammatorio si estende su esofago, stomaco e pancreas, spegnendo le infiammazioni presenti in tutto l’apparato intestinale.  La scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per il trattamento del diabete e di diversi disturbi intestinali, affermano gli scienziati, che attualmente stanno verificando sui topi se l’anandamide è capace di produrre lo stesso effetto benefico anche in presenza di colite. (FONTE)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti